Cronaca

Una richiesta di condanna per sette anni all’ex Sindaco di Riace e lui accusa: “Voglio distruggere un ideale politico”

Sette anni e undici mesi di reclusione: è la richiesta di condanna avanzata dal pm di Locri nei confronti dell’ex sindaco di Riace Domenico Lucano, nel processo “Xenia”. L’ex primo cittadino è accusato di associazione a delinquere, abuso d’ufficio, truffa, concussione, peculato, turbativa d’asta, falsità ideologica e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina per presunti illeciti nella gestione del sistema di accoglienza dei migranti. “La richiesta così alta è l’ennesima dimostrazione che Riace e il modello che avevamo realizzato fanno paura. E’ stato un ideale politico che vogliono distruggere. Non è un caso che comincia tutto nel 2016 quando l’area progressista apre le porte alla criminalizzazione della solidarietà in Italia e in Europa. Dopo arriva Salvini e completa l’opera. Non è nemmeno un caso che oggi a Riace l’accoglienza ancora resiste e la mission continua senza fondi pubblici e tra mille difficolta. Questa è la risposta più forte. Oggi è stata la giornata della Procura. Ma l’ultimo capitolo si deve ancora scrivere”. Così Domenico Lucano.

Related posts

Fatture false nell’edilizia, denunciati dalla Guardia di Finanza in 34 a Siena

Redazione Ore 12

La Guardia Costiera riceve per il suo servizio 50 nuove auto elettriche

Redazione Ore 12

Sette italiani su dieci infrangono il codice della strada

Redazione Ore 12