Primo piano

Via da Roma con il foglio di via il leader no green Pass, Puzzer

 

Foglio di via obbligatorio con divieto di soggiorno, per un anno, a Roma per Stefano Puzzer, il portuale di Trieste a capo della protesta contro il Green Pass. L’uomo era arrivato nella mattinata del 2 novembre in piazza del Popolo, dove aveva allestito un piccolo banco per protestare contro il documento verde. La Questura di Roma gli ha intimato di fare rientro a Trieste entro le 21.00 del 3 novembre. In caso di violazione, viene spiegato, commetterà un nuovo reato.

Puzzer verrà denunciato dalla polizia di Stato alla procura della Repubblica di Roma per manifestazione non preavvisata. Intanto, sulla posizione degli altri manifestanti sono in corso ulteriori analisi per verificare se ci sono situazioni penalmente rilevanti. A indagare sul caso sono i poliziotti della Digos di Roma e la Polizia Scientifica. “Buonasera a tutti. Come avete saputo ero in Questura a fare accertamenti. Sono stati un po’ lunghi, si sono accertati di tutto. Sono stato trattato con i guanti. Erano proprio brave persone, gente che non c’entra con questo sistema, anzi. L’unica cosa che vi dico è che domani sarò a Trieste. Stiamo tutti tranquilli. Domani, dopo aver parlato con l’avvocato, faremo un comunicato di ‘Gente come noi’. Grazie per il supporto e per la preoccupazione”. A dirlo è Stefano Puzzer, in un messaggio audio diffuso attraverso il canale Telegram di ‘Gente come noi Fvg’.

aggiornamento no Green Pass del 3 novembre ore 14.24

Related posts

Legge Anti-Lgbt, l’Ungheria rischia di finire fuori dall’Ue. Carte bollate della Commissione contro Orban

Redazione Ore 12

Studio del Policlinico Gemelli: L’inquinamento dell’aria soffoca i vasi del cuore e può provocare l’infarto, anche a coronarie ‘sane’

Redazione Ore 12

Iss e dipendenza da internet, c’è la prima mappa dei centri socio-sanitari che se ne  si occupano

Redazione Ore 12