Primo piano

Violenze dei no vax e no green Pass, su Telegram minacce di nuove azioni violente

Le frange violente di no vax e no green pass, non hanno alcuna voglia di fermarsi agli attacchi alla Cgil e ai Palazzi delle Istituzioni nel cuore politico di Roma, vogliono andare avanti e su alcune chat su Telegram – rivela Repubblica – le proteste e le violenze non finiranno. Il giorno dopo, nelle chat dei No Pass non scorre rimpianto né autocritica. Soltanto voglia di ricominciare. “A quando la prossima invasione?”, dicono. “Dobbiamo giocare sporco, mettere anziani e bambini davanti alle manifestazioni”, propongono. “Vogliono la guerra, e guerra avranno”, aizzano. Il calendario che preoccupa le forze dell’ordine – prosegue Repubblica – ha almeno quattro date cerchiate di rosso: 12 ottobre, 15 ottobre, 16 ottobre, 30 ottobre. “Vogliono la guerra e l’avranno” A eccitare gli animi della chat è l’amministratore, che postando due filmati degli scontri tra centinaia di manifestanti e la polizia nei pressi di Piazza del Popolo, scrive ironicamente: «Tutti di Forza Nuova e fascisti, vero?». La sfilza di commenti spiega ciò che si muove nel ventre dei No Pass. Un utente di nome Felsineo: «Avanti tutta! A quando la prossima?». Gli risponde RR: «Nuova manifestazione il 16 contro i sindacati». I messaggi si sovrappongono: «Bisogna agire il 15, primo giorno di obbligo green pass sul lavoro. Attenti alla Digos, sono tra di noi per iniziare le violenze». Mauri: «Ci attaccano come fossimo terroristi, quando siamo pacifici. La gente non ne può più. Vogliono la guerra e guerra avranno, sarà sommossa popolare». «Munirsi di viveri e coperte», «bloccheremo le principali arterie del Paese”.
aggiornamento violenze no Green pass del 12 ottobre ore 15.03

Related posts

Enpa: “I bambini hanno riempito più di 1 milione di ciotole di cibo per gli animali abbandonati “

Redazione Ore 12

Meloni: “Non sono favorevole all’estensione del Green Pass. Chiederò ancora tamponi gratuiti per tutti”

Redazione Ore 12

Ecco chi sono e di cosa sono stati accusati e condannati i sette arrestati in Francia

Redazione Ore 12