Imprese e Sindacato

Whirpool, Gnk e Gianetti Ruote, allo sgarbo industriale i sindacati rispondono con lo sciopero generale

I licenziamenti nelle tre multinazionali hanno innescato la protesta dell’intera categoria. Assemblee in tutti i luoghi di lavoro dal 19 luglio. Monito alla Confindustria

Due ore di sciopero generale con assemblee in tutte le aziende per due settimane a partire da lunedì 19 luglio. Lo hanno proclamato Fim Fiom e Uilm per protestare contro i licenziamenti avviati nelle ultime settimane da alcune aziende nonostante l’accordo sull’avviso comune firmato a Palazzo Chigi. “Dopo lo sblocco del licenziamenti voluto dal governo Draghi e dalla Confindustria alcune aziende e multinazionali, Gkn, Whirlpool e Gianetti Ruote, hanno avviato le procedure di licenziamento per centinaia e centinaia di lavoratori. Si tratta di decisioni inaccettabili”, si legge in una nota unitaria Fim Fiom e Uilm.
Sono decisioni, secondo i sindacati, “che colpiscono l’insieme del mondo del lavoro e che vanno contrastate con fermezza da tutti i metalmeccanici per difendere l’occupazione e il reddito dei lavoratori, per impedire la riduzione della capacità industriale del paese, evitare che altre aziende seguano questi esempi negativi e rivendicare allo stesso tempo investimenti e politiche industriali in tutto il territorio nazionale”. Obiettivo della mobilitazione è anche quello di sollecitare “la riforma degli ammortizzatori sociali e difendere l’occupazione; dare finalmente soluzioni concrete e positive alle crisi aziendali aperte; vincolare gli investimenti del Pnrr ad una occupazione stabile e ad un lavoro in salute e sicurezza; impedire alle multinazionali e ai fondi di investimento di speculare e distruggere l’industria e il lavoro”. Per tutte queste ragioni, attaccano Fim, Fiom e Uilm, “occorre mobilitarsi e chiedere al Governo di intervenire presso la Confindustria per bloccare i licenziamenti, rispettare l’avviso comune sull’utilizzo degli ammortizzatori sociali sottoscritto con Cgil Cisl e Uil, dare soluzioni alle crisi aperte, aprire con il sindacato tavoli di confronto nei principali settori industriali a partire dall’automotive, dalla siderurgia, dall’elettrodomestico”.

Related posts

Arcelor Mittal, respinta la sospensiva. Ultima parola al giudice monocratico

Redazione Ore 12

La guerra dei licenziamenti

Redazione Ore 12

Olio extravergine d’oliva, nella produzione l’Italia scivola al terzo posto. Prima la Spagna e poi la Grecia

Redazione Ore 12