La guerra di Putin

 Zelensky alla Biennale di Venezia con un videomessaggio: “Sostenete la nostra lotta con la vostra arte”

Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, è intervenuto con un videomessaggio durante l’apertura di “This is Ukraine: Defending Freedom”, evento collaterale alla 59/a Biennale d’Arte di Venezia organizzato dalla Fondazione Pinchuk nella Scuola Grande della Misericordia. “Sostenete la nostra lotta con la vostra arte, ma sostenetela anche con le parole e la vostra influenza”, è l’appello lanciato dal leader ucraino. Zelensky ha voluto ringraziare gli organizzatori della mostra in cui sono esposte opere di artisti ucraini che in questo momento vivono ancora nel loro Paese. “Sono sicuro che questo progetto permetterà alla gente di capire cosa significa per l’Ucraina difendere la libertà, capire il legame tra i popoli liberi sulla terra e l’Ucraina”., ha sottolienato il presidente, che poi ha aggiunto: “Non ci sono tirannie che non abbiano cercato di limitare l’arte, perché possono vedere il potere dell’arte. L’arte può raccontare al mondo cose che non possono essere condivise altrimenti. Porta i sentimenti”. Zelensky poi ha poi proseguito chiedendo al pubblico: “Se voi siete liberi, come potete capire altre persone che combattono per la loro libertà? Se vivete in un paese in pace, come potete percepire coloro che possono solo sognare la pace e aiutarli? Come potete ringraziare coloro che combattono sul loro suolo, ma per la vostra libertà? Ognuna di queste domande riguarda l’arte”.  Per il presidente ucraino, “alcune nazioni che vivono al sicuro non sono pronte per sostenere subito altre libere nazioni minacciate dalla tirannia, a sostenere i loro sforzi e la loro lotta”.  Questo aspetto, ha aggiunto Zelensky, “solleva questioni molto importanti. Cosa ci separa gli uni dagli altri nei momenti cruciali? I politici non sanno rispondere, non ci sono esperti che possano spiegare questo nel modo corretto”. “Il nostro popolo – ha concluso Zelensky – si è dato da fare per attirare l’attenzione sulla lotta dell’Ucraina per la libertà, dopo che la Russia ci ha attaccato il 24 febbraio scorso”. Uno sforzo che, per il presidente ucraino, “non è nemmeno la metà del lavoro” perché “hai bisogno di essere sostenuto dalla gente per davvero, con armi, finanziariamente, attraverso decisioni politiche, un flusso continuo di informazioni, e devi combattere per questo sostegno, anche se la libertà di una dozzina di altre nazioni in Europa e Asia dipende dalla tua difesa della libertà”.

Related posts

Il Presidente ucraino Zelensky: “Nel Donbass perdite dolorose ma dobbiamo resistere”

Redazione Ore 12

Oltre 50mila i profughi ucraini arrivati in Italia

Redazione Ore 12

Allerta dell’Unione Europea sui profughi ucraini: “C’è il rischio di una tratta”

Redazione Ore 12