La guerra di Putin

Negoziati di pace in Turchia, il pessimismo di Kiev

 

Nessuna svolta in vista ai negoziati tra Russia e Ucraina al via a Istanbul: lo ha detto un consigliere del ministero dell’Interno di Kiev, giunto in Turchia, all’indomani di dichiarazioni rilasciate dal presidente Volodymyr Zelensky su neutralità e integrità territoriale. “Non credo che ci saranno svolte sulle questioni chiave” ha detto il dirigente Vadym Denysenko, citato dalla stampa ucraina e internazionale.

Ieri Zelensky ha continuato a insistere sull’integrità territoriale del suo Paese come condizione indispensabile dei negoziati dopo che poche ore prima si era detto disposto a un compromesso sulle regioni orientali del Donbass, sotto il controllo di forze russe o filo-russe. “Le nostre priorità nelle trattative sono chiare” ha detto il presidente. “La sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina sono fuori di qualsiasi dubbio; e per il nostro Stato sono indispensabili garanzie di sicurezza effettive”.

Sempre ieri, in un’intervista al portale russo di opposizione Meduza, Zelensky aveva utilizzato toni differenti. “Siamo pronti per le garanzie di sicurezza, per la neutralità e pure per lo status non-nucleare del nostro Paese” aveva detto il presidente. “Questo è il punto più importante, il primo e principale per la Federazione russa, per quanto ricordo”. Poi, parlando in russo, Zelensky aveva aggiunto: “Capisco che è impossibile costringere la Russia a ritirarsi dal territorio ucraino completamente. Questo porterebbe alla Terza guerra mondiale. Lo capisco e per questo parlo di un compromesso. Torniamo a dove tutto è cominciato e cerchiamo di risolvere la questione del Donbass“. Il presidente aveva concluso sostenendo che ogni accordo dovrebbe essere garantito da una parte terza e sottoposto a referendum.

Dire

aggiornamento la guerra di Putin ore 16.37

Related posts

Conflitto russo-ucraino, il bilancio di Kiev: “Morti 57.200 soldati russi, distrutti 2.290 tank”

Redazione Ore 12

‘Cara’ Ucraina, ma quanto ci costi?

Redazione Ore 12

Ucraina, la vana attesa di un “cessate il fuoco” e i pericoli di una escalation

Redazione Ore 12