Covid

Avanza la variante Delta

Il sistema di monitoraggio registra un’impennata dei contagi. Chi ha ricevuto solo la prima dose di vaccino non è immunizzato

(Red) E’ ancora la variante Alfa, la cosiddetta “variante inglese”, la più diffusa in Italia con una percentuale del 74,9% sul numero di casi. Tuttavia, sebbene i dati di giugno non siano ancora consolidati, dalle prime segnalazioni di sequenziamenti eseguiti, si segnala un aumento, in percentuale, dei casi di variante Kappa e Delta, la cosiddetta “indiana” e un suo sottotipo, che passano dal 4,2% nel mese di maggio, al 16,8% del mese di giugno (dati estratti al 21 del mese). Sono queste le prime segnalazioni delle ultime settimane, monitorate dal Sistema di Sorveglianza Integrata Covid-19 dell’ISS, in attesa della flash survey che fotograferà la situazione nel nostro Paese poiché garantirà la rappresentatività del campione. Intanto il ministero della Salute con una specifica Circolare, fa il punto sulla diffusione dei contagi da variante Delta: “Casi associati a varianti Kappa e Delta sono al momento rari, tuttavia si segnala un recente aumento nella frequenza di queste segnalazioni sul territorio nazionale, in particolare di focolai dovuti alla variante Delta. Nel Documento si parla anche dei vaccini e della loro efficacia verso la variante: “Vi sono evidenze che quanti hanno ricevuto solo la prima dose di una vaccinazione che prevede la somministrazione di due dosi per il completamento del ciclo vaccinale, sono meno protetti contro l’infezione con la variante Delta rispetto all’infezione da altre varianti, indipendentemente dal tipo di vaccino somministrato. Il completamento del ciclo vaccinale fornisce invece una protezione contro la variante Delta quasi equivalente a quella osservata contro la variante Alpha”. “Dalla nostra sorveglianza epidemiologica – dice Anna Teresa Palamara, direttrice del Dipartimento Malattie Infettive dell’ISS – emerge un quadro in rapida evoluzione che conferma come anche nel nostro Paese, come nel resto d’Europa, la variante Delta del virus stia diventando prevalente. Con la prossima flash survey avremo una stima più precisa della prevalenza”.
aggiornamento Covid-monitoraggio e varianti del 26 giugno ore 14.10

Related posts

Vaccino. Pani (Sifo): “Indagare sui decessi, ma serve affidarsi a scienza”

Redazione Ore 12

++++Covid-19, Iss: “Fondamentale evitare occasioni di contatto”++++

Redazione Ore 12

Figliuolo: “Possibile una ulteriore terza dose di vaccino”

Redazione Ore 12