Esteri

Birmania, i manifestati anti-golpe non lasciano le piazze

Manifestanti pro-democrazia in piazza anche oggi in Myanmar (ex Birmania), all’indomani di una nuova riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu divisa sulla risposta alla repressione militare che ne ha già uccisi a decine. A Loikaw, nel centro del Paese, centinaia di persone, tra cui insegnanti in divisa verde e bianca, marciano stamattina sventolando cartelli che invitano alla disobbedienza civile. “Se vai a lavorare, stai aiutando la dittatura”, “La nostra rivoluzione deve vincere”, ha scandito la folla. Nel quartiere di San Chaug a Rangoon), la capitale economica della Birmania, dove sono state erette barricate improvvisate per proteggersi dalle forze di sicurezza, si stanno radunando piccoli gruppi di manifestanti. 

Related posts

Papa Francesco: “Non ridurre la Croce a simbolo politico”

Redazione Ore 12

La guerra mondiale per la diffusione dei vaccini è in pugno alla Cina

Redazione Ore 12

Se cade Taiwan rischi per l’intero quadrante asiatico. L’appello del Presidente Tsai Ing-wen

Redazione Ore 12