Politica

Caso Open Arms, chiesto il rinvio a giudizio per Matteo Salvini

Richiesta di rinvio a giudizio da parte della procura di Palermo nei confronti del leader della Lega Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona e rifiuto di atti d’ufficio nell’ambito del procedimento relativo al caso Open Arms. La richiesta è arrivata al termine dell’udienza preliminare che si è svolta nell’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo.  Il caso Open Arms riguarda il divieto di sbarco imposto alla nave della Ong spagnola con 147 migranti a bordo nell’agosto 2019, di fronte all’isola di Lampedusa: all’epoca Salvini era il titolare del ministero dell’Interno. Il senatore del carroccio oggi era presente nell’aula bunker di Palermo, dove ha reso dichiarazioni spontanee.

“La Procura di Palermo ha chiesto rinvio a giudizio e processo contro di me per sequestro di persona, 15 anni di carcere la pena prevista. Preoccupato? Proprio no. Sono orgoglioso di aver lavorato per proteggere il mio Paese, rispettando la legge, svegliando l’Europa e salvando vite. Se questo deve provocarmi problemi e sofferenze, me ne faccio carico con gioia. Male non fare, paura non avere”, ha commentato il segretario della Lega Matteo Salvini.

DIRE

Related posts

Ecco la riforma della Giustizia digerita dal M5S e firmata dalla Cartabia

Redazione Ore 12

Sono 11 i senatori che posso dire l’ultima parola sul Ddl Zan

Redazione Ore 12

Salvini torna d’opposizione: “Italia rinasca a Pasqua”. Richiesta di incontro a Draghi e attacco a Speranza

Redazione Ore 12