Imprese e Sindacato

C’è l’accordo tra Enel e Crea per lo sviluppo dell’agrivoltaico

Un protocollo d’intesa è stato siglato tra ENEL e CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria), per favorire la sinergia tra energie rinnovabili e agricoltura, ponendo al centro la sostenibilità, le necessità di sviluppo di nuova capacità del fotovoltaico in Italia, esigenze specifiche dei territori e del mondo imprenditoriale del settore.
“Con questa intesa – ha dichiarato Carlo Tamburi, direttore ENEL Italia – intendiamo lavorare insieme per favorire una crescita armonica sul territorio di impianti e colture sempre più integrati, per dare un contributo importante al settore delle rinnovabili, favorendo gli obiettivi di neutralità climatica del paese e alle competenze delle imprese del settore. Una azione congiunta per favorire la compresenza di attività agricole e impianti di produzione di energia con tecnologia solare, fotovoltaica a terra, il cosiddetto agrivoltaico”.
Il Presidente CREA, Carlo Gaudio, ha evidenziato che “l’incremento di tali obiettivi è sostenuto dal PNNR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), e tre criteri fondamentali ispireranno l’azione su ricerca e innovazione nel settore energetico. Il primo riguarda la finalizzazione delle risorse e delle attività allo sviluppo di processi, prodotti e conoscenze che abbiano uno sbocco nei mercati aperti dalle misure di sostegno all’utilizzo delle tecnologie per le rinnovabili, l’efficienza energetica e le reti. Il secondo riguarda l’integrazione sinergica tra sistemi e tecnologie ed il terzo, prevede un percorso di decarbonizzazione profondo al 2030, su cui l’Italia è impegnata coerentemente alla strategia di lungo termine al 2050.
Le potenzialità del settore energetico e di quello agricolo, possono generare valore: dalle agro-bio-energie rinnovabili, l’agrivoltaico, l’integrazione del fotovoltaico con attività agricole e zootecniche, fino allo sviluppo di sistemi di automazione e illuminazione ad elevata efficienza energetica, dalla difesa del suolo e delle piante a innovative soluzioni di bonifica naturale come il fitorimedio.
Da soluzioni per l’irrigazione e la nutrizione delle colture, le produzioni agricole sostenibili e di qualità ad applicazioni dell’agricoltura digitale”. Oltre a queste attività, ci sarà anche quella di divulgazione di conoscenze di elevata qualità tecnica e scientifica, in ambito agricolo, forestale, agroalimentare e agroambientale, quella di promozione e valorizzazione di competenze e networking.
AGC GreenCom

Related posts

Cassa Dottori Commercialisti: quasi due milioni di euro erogati per il welfare a supporto dei professionisti romani

Redazione Ore 12

Esonero contributivo alternativo alla Cig, Cafasso (Ais): “Nuove ed originali interpretazioni dell’Inps”

Redazione Ore 12

Accordo tra Italgas e Jemena sulla gestione e progettazione delle reti energetiche

Redazione Ore 12