Roma Capitale

Circolo Mario Mieli: “Gualtieri ha ignorato famiglie Lgbt+”

“Due madri in Francia, una in Italia. La coppia non ha avuto alcun problema nell’ottenere il riconoscimento del bambino avuto in Francia tramite procreazione assistita, mentre a Roma sono finite in una situazione surreale”: è la denuncia del circolo Mario Mieli, che in un comunicato racconta come le due donne si siano rivolte al sindaco di Roma Roberto Gualtieri per chiedere la trascrizione dell’atto di nascita, per proteggere “l’identità personale e familiare” del figlio, e si siano viste accontentare solo a metà: la madre che ha partorito è stata infatti riconosciuta come genitrice, l’altra no.   
“Gualtieri – spiega la storica associazione Lgbt+ romana – ha affermato di aver rispettato le istruzioni del Ministero dell’Interno in merito alla trascrizione di atti con genitori dello stesso sesso. Tuttavia, oltre all’evidente discriminazione del diniego, la decisione di Gualtieri va contro tre sentenze della Cassazione (l’ultima del 2021) sulla trascrizione di atti esteri. Inspiegabilmente il sindaco ha invece scelto di non assumersi le proprie responsabilità politiche per sottostare ad arbitrarie imposizioni del Ministero”. Come ormai troppo spesso accade nel nostro Paese, alla due madri non resterà che rivolgersi al tribunale, per vedere riconosciuti, con i tempi e i costi della giustizia italiana, i propri diritti più elementari, nonché una famiglia che invece in Francia è già tale agli occhi dello Stato, si legge nel testo.  A seguire il caso Vincenzo Miri, presidente di Rete Lenford – Avvocatura per i diritti LGBTI+. In una nota l’associazione ha dichiarato “che da ormai sei anni la Corte di cassazione ha respinto la posizione del Ministero dell’Interno e ha addirittura giudicato ‘impellente’ la continuità e la conservazione dello stato di figlio acquisito all’estero”. “Da mesi le associazioni del mondo lgbtqia+ attendono un segnale forte da parte del sindaco – conclude il circolo – che durante la campagna elettorale aveva promesso di istituire un Ufficio per i diritti lgbtqia+. Avevamo chiesto anche un incontro al sindaco sul punto e auspichiamo che l’Ufficio possa presto diventare operativo”.  

Related posts

Mille eventi gratuiti nei Parchi naturali della Regione Lazio

Redazione Ore 12

San Giorgio a Liri (Fr), Ponte Petrose, Mallamo (Astral): gara d’appalto per ricostruzione al via il 31 gennaio

Redazione Ore 12

Al via a Latina la realizzazione di 102 nuovi alloggi Ater. Delibera della Giunta Regionale

Redazione Ore 12