Cronaca

Comitato nazionale ordine e sicurezza pubblica al Viminale presieduto dal ministro Piantedosi su manifestazioni di piazza e festività natalizie

 

Il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, ha presieduto il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica, al quale, oltre al sottosegretario Nicola Molteni e al Capo di Gabinetto Maria Teresa Sempreviva, hanno partecipato il capo di Stato maggiore della Difesa, Giuseppe Cavo Dragone, il Capo della Polizia-Direttore generale della Pubblica sicurezza, Lamberto Giannini, e i vertici delle altre Forze di polizia e degli organi di informazione e sicurezza. Durante l’incontro è stata effettuata una approfondita disamina della situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica in Italia, con un focus particolare sulle modalità di svolgimento delle manifestazioni di piazza nel 2022 e sulle possibili dinamiche che potranno caratterizzare il 2023. Dai dati è emerso che, nel 2022, si sono svolte sul territorio nazionale 11.818 manifestazioni. In 341 di queste (pari al 2,9% del totale) si sono registrati episodi di criticità o con ricadute nell’ambito dell’ordine pubblico. 17 persone sono state arrestate e 2.028 sono state denunciate in stato di libertà. 210, complessivamente, i blocchi alla circolazione stradale. 119 gli operatori delle Forze dell’ordine rimasti feriti. Durante lo stesso periodo, per specifiche esigenze dell’ordine e della sicurezza pubblica, sono state assegnate alle autorità provinciali di pubblica sicurezza 946.480 unità di rinforzo: 531.620 Polizia di Stato (56,2%), 312.880 Arma dei Carabinieri (33%), 101.980 Guardia di Finanza (10,8%). Al riguardo, il ministro Piantedosi ha espresso il proprio ringraziamento a tutte le donne e gli uomini delle Forze dell’ordine per l’impegno profuso nella delicata gestione degli eventi di piazza e ha evidenziato la professionalità e l’equilibrio che hanno mostrato nell’assicurare l’ordinato svolgimento delle manifestazioni. In sede di Comitato sono state inoltre esaminate le misure di controllo del territorio che verranno attuate in occasione delle prossime festività. Sul punto, già con circolare del Capo della Polizia dello scorso 3 dicembre 2022, è stata rilevata la necessità di predisporre accurate pianificazioni dei servizi per garantire la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica ed in tale direzione, i prefetti sono stati invitati a convocare specifiche riunioni del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Nel merito, una particolare attività di vigilanza riguarderà le località dove sono ubicati luoghi di culto delle diverse confessioni, le infrastrutture come gli scali aeroportuali e portuali, le stazioni ferroviarie, le reti metropolitane, gli impianti stradali e autostradali, nonché i mezzi di trasporto collettivo. Verrà ulteriormente implementato il dispositivo generale di prevenzione segnatamente in funzione di contrasto dei c.d. “reati da strada”. In occasione delle prossime festività natalizie e di fine anno, analoga attenzione sarà dedicata al considerevole aumento del flusso di veicoli lungo le principali arterie del Paese. Mirate attività di vigilanza e controllo, anche tenuto conto di quanto avvenuto lo scorso Capodanno, interesseranno gli spettacoli in piazza, i locali pubblici e di intrattenimento, nonché le aree di abituale ritrovo dei giovani. Una specifica azione di contrasto è prevista per la produzione e la commercializzazione illegale di articoli pirotecnici, settore già oggetto, con la circolare del dipartimento della Pubblica Sicurezza dello scorso 2 dicembre, di specifiche misure.

Related posts

Scoperte dalla Guardia di Finanza false sponsorizzazioni nella serie B interregionale di basket

Redazione Ore 12

Maleducazione Lukaku (Inter) fa baldoria per il suo compleanno, multato lui e altri 23 ospiti dell’hotel. Sanzione anche al direttore dell’albergo

Redazione Ore 12

Sempre alta l’attenzione delle Forze dell’Ordine presso l’Area Archeologica del Colosseo. Circa 900 le persone controllate dall’inizio di agosto e 7820 oggetti sequestrati

Redazione Ore 12