Politica

Confcommercio e Green Pass: “Le imprese non possono pagare i tamponi ai lavoratori”

“Il costo dei tamponi per ottenere il green pass non può essere a carico delle imprese, che hanno già sostenuto costi ingenti di adeguamento dei luoghi di lavoro alle discipline concordate nei protocolli vaccinali”. Donatella Prampolini, vicepresidente di Confcommercio con delega al lavoro, replica così al segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, per il quale sarebbe “un errore che una persona per lavorare debba pagarsi il tampone perché pensiamo che gli strumenti di protezione non possano essere a carico del lavoratore”. In ogni caso Confcommercio sottolinea che “mettere in sicurezza i lavoratori significa chiaramente anche prevedere l’obbligo di vaccino o green pass. Per questo si può ritenere applicabile quest’obbligo a tutti i lavoratori, iniziando dal personale che lavora a diretto contatto con il pubblico, ad esempio nei supermercati, nei negozi alimentari di prossimità e nei pubblici esercizi. Stiamo parlando di lavoratori che svolgono attività essenziali e che sono quotidianamente a contatto con moltissime persone”.
aggiornamento Green Passa del 16 settembre ore 14.35

Related posts

Salvini esplosivo: “Centrale nucleare in Lombardia? Sì, che problema c’è”

Redazione Ore 12

Torino, avanti il centrosinistra che guarda con fiducia al ballottaggio

Redazione Ore 12

Primo intervento del nuovo Governo con lo stop alla ripartenza degli impianti sciistici e prima crepa nella maggioranza

Redazione Ore 12