Politica

Contributo di solidarietà, salta il tavolo nella maggioranza. Via la misura del prelievo su chi ha redditi sopra i 75mila euro

E’ saltata l’ipotesi di un contributo di solidarietà per i redditi superiori ai 75 mila euro da destinare al contenimento del caro bollette.  L’ipotesi, avanzata dal premier Mario Draghi nella cabina di regia, era appoggiata da Pd, M5s e Leu, mentre Fi, Iv e Lega erano contrari. Alla fine la proposta non ha avuto il via libera in Cdm, che ha visto anche una sospensione di mezz’ora della seduta per un confronto sui provvedimenti fiscali nella manovra. In particolare a dividere -centrodestra e Italia viva da un lato, Pd, M5S e Leu dall’altro- sarebbe stato proprio il contributo di solidarietà, per il 2022, per i redditi Irpef sopra i 75mila euro: tale fascia non avrebbe beneficiato del taglio allo studio così da liberare 250 milioni di euro da impiegare contro il rincaro delle bollette. Nonostante la misura sia saltata, sono stati individuati -nel corso del Consiglio dei ministri – altri 300 milioni aggiuntivi per arginare l’aumento di luce e gas: risorse, chiariscono fonti di governo, individuate nel bilancio dello Stato. Sarebbe stata questa la mediazione alla quale si è arrivati i superare le divisioni sul contributo di solidarietà. Malgrado tutto, come detto, lo stanziamento contro il caro bollette in manovra salirà in tutto di circa 800 milioni. Le risorse arriveranno per circa 500 milioni dal ‘tesoretto’ della riforma di Irpef e Irap per il 2022 e per circa 300 milioni da altri fondi reperiti in bilancio e non utilizzati appieno. In tutto quindi per il primo trimestre del prossimo anno ci sarà un intervento da 2,8 miliardi.

aggiornamento manovra del 3 dicembre ore 18.27

Related posts

Referendum Cannabis, Gasparri e Fratoianni ai ferri corti. In 48 ore raccolte 220mila firme

Redazione Ore 12

Forza Italia, Berlusconi: “Riuniti vertici partito, mi sento in famiglia”. Disco verde alla Federazione con Salvini

Redazione Ore 12

Caso Fanpage, Giorgia Meloni rilancia il documento che inviò ai militanti di Fratelli d’Italia nel luglio scorso: “No a nostalgie storiche e a tentazioni totalitarie”

Redazione Ore 12