Politica

Crimi (M5S) e Rousseau: “Mai più una sola piattaforma cui delegare tutto”

(Red) Vito Crimi cerca di uscire dall’accerchiamento seguito al suo lungo post che praticamente ha affrontato tutti i temi dell’agenda del Movimento, scontentando però sia chi condivide l’attuale linea chi la vorrebbe cambiata. Lo fa in una intervista al Fatto Quotidiano, dove torna a parlare anche di piattaforma: “Gli ultimi giorni sono stati molto pesanti, ma tutto il periodo di reggenza non è stato leggero”, “è stata una reggenza non cercata in cui è successo di tutto” ma ora anche la diatriba con Rousseau è finita ed è “cominciata la consegna dei dati degli iscritti” e già oggi “saremo in grado di fornire gli elenchi degli iscritti a chi dovrà gestire il sistema di voto”. Poi alla domanda se il M5s è diventato un’altra cosa così risponde: “Non abbiamo cambiato le nostre idee ma i modi di esprimerle” e “non ci saranno più – spiega Crimi – un soggetto unico a cui verrà delegato tutto e una singola piattaforma ma alcune società che ci forniranno dei servizi. Anche Rousseau aveva aziende di supporto. Avremo un software per la gestione dei dati e consentire agli iscritti di accedere e di iscriversi, un Crm, uno tra i più usati al mondo. Per ora avremo tre società che seguiranno i vari aspetti. Di fatto compreremo un prodotto-voto”. Quanto ai dati “tutta la gestione sarà in capo al M5s” e “fatto salvo forse il primo anno contiamo di avere costi inferiori a quelli di Rousseau che erano pari a 1,3 milioni l’anno”.

Related posts

Bianchi: “Pensiamo a protocolli più semplici per la scuola”

Redazione Ore 12

Nuovo Governo, le reazioni dei partiti. Delusione Meloni, entusiasmo Salvini e 5Stelle. Cauto ottimismo del Pd

Redazione Ore 12

Berlusconi: “Sono in forma, sto molto bene. Pronto a tornare in campo”

Redazione Ore 12