Cronaca

Dispersi del Velino, si scava su un fronte di due chilometri metri profondo anche nove metri

Solo una breve pausa nel maltempo prevista per domani mattina potrebbe aiutare i soccorsi sul Velino alla ricerca dei quattro avezzanesi dispersi da giorni: pausa che permetterebbe di portare in quota sia del nuovo personale sia un battipista scavatore via elicottero da Ovindoli (L’Aquila) per aiutare a rimuovere la neve.    Si tratta di una valanga dentro un fronte di neve profondo anche 9 metri, lungo 2 km e largo mediamente almeno 100 metri.  In queste ore sono arrivate anche attrezzature elettroniche dalla Valle d’Aosta che scandagli la profondità nevosa alla ricerca di oggetti metallici.  Ma a preoccupare i soccorritori è anche l’incertezza sull’effettivo luogo dove potrebbero essere finiti Tonino Durante. 60 anni, GianMauro Frabotta, 33, Gianmarco Degni, 26 e Valeria Mella, 25, domenica scorsa: il ritrovamento dell’auto dei 4 vicino al rifugio più avanti dell’inizio della valle non da nessuna certezza sul percorso effettuato dai dispersi. Sono state trovate delle tracce, e bonificate altre zone limitrofe, ma non è stato trovato niente. Nei prossimi giorni non è previsto un meteo favorevole e se dovesse nevicare i soccorsi subirebbero una battuta d’arresto.

Related posts

Indagine beach litter di Legambiente: “In Italia 783 rifiuti ogni 100 metri di spiaggia”

Redazione Ore 12

Il transito di armi nei porti italiani finisce in parlamento. Interrogazione di Pd e M5S alla Camera dei Deputati

Redazione Ore 12

Inchiesta appalti Miur: ecco perché è stato arrestato Federico Bianchi di Castelbianco

Redazione Ore 12