Covid

Dopo reazioni avverse da vaccino AstraZeneca l’Aifa autorizza il mix anche a over 60

E’ possibile il richiamo con vaccino a m-RNA anche negli over 60 dopo reazioni avverse gravi a carico della sfera coagulativa con prima dose del vaccino anti Covid Vaxzevria di AstraZeneca. Lo ha annunciato l’Agenzia italiana del farmaco. L’Aifa ha spiegato che si può dunque procedere “analogamente a quanto già deciso per i soggetti con meno di 60 anni, applicando il principio di massima precauzione”.
La nota – “A seguito di richieste pervenute da parte di alcune Regioni relativamente agli interventi da adottare a seguito della comparsa di una reazione avversa (Adr) grave dopo la prima dose di un vaccino anti COVID-19, l’Aifa, acquisito il parere della propria Commissione Tecnico-Scientifica, precisa che non è possibile fornire raccomandazioni generali a fronte dell’eterogeneità delle casistiche che necessitano di specifica valutazione clinica. Tuttavia, analogamente a quanto già deciso per i soggetti di età <60 anni, applicando il principio di massima precauzione, l’Agenzia specifica che, nei soggetti che abbiano presentato reazioni avverse gravi di tipo trombotico o comunque a carico della sfera coagulativa dopo somministrazione di Vaxzevria (AstraZeneca), si può procedere al richiamo con un vaccino a m-Rna. Per le altre casistiche di Adr, si ritiene che, in assenza di dati derivanti da studi ad hoc, non sia possibile esprimere raccomandazioni di carattere generale che prescindano dall’esame delle specifiche Adr e dalla valutazione clinica dei singoli casi".

Related posts

Covid-19, Italia: 11.807 contagi su 324.640 tamponi e 258 decessi in 24 ore, 22.300.567 i vaccinati

Redazione Ore 12

Lopalco: “Contro Omicron non è detto che serva una dose di vaccino ad hoc”

Redazione Ore 12

Sul cocktail di vaccini anti-Covid parla Cavaleri (Ema): “Importante raccogliere più informazioni”

Redazione Ore 12