Cronaca

Due forti scosse di terremoto in Adriatico (5.6 e 4.1 Richter). Tremano Puglia, Molise e Abruzzo

 Due scosse di terremoto sono registrate dall’Ingv nel mare Adriatico attorno alle 15 di questo sabato di fine marzo. La prima scossa, alle 14.47, è stata di magnitudo 5.6 ad una profondità di 5 chilometri, mentre la successiva, alle 15.00, è stata di magnitudo 4.1 ad una profondità di 10 chilometri. La prima scossa è stata avvertita distintamente in Abruzzo, Molise e Puglia, in particolare nelle località della costa, soprattutto ai piani alti delle abitazioni, nelle Marche, in Basilicata e anche nei quartieri dell’area occidentale di Napoli, a Soccavo e Pianura, in alcune zone di Pozzuoli e nell’area flegrea e nella provincia di Isernia. Numerose le telefonate ai Vigili del Fuoco per chiedere informazioni, fortunatamente non si sono registrati danni a persone o a cose.

Related posts

Incidente mortale sul lavoro all’Interporto di Bologna. Perde la vita un giovane operaio di 22 anni

Redazione Ore 12

I Vigili del Fuoco sull’incendio della Torre: “Mai vista una cosa così”

Redazione Ore 12

Meteo, da lunedì alta pressione da record, poi il cambio di rotta

Redazione Ore 12