Cronaca

Etna inarrestabile, nuovi trabocchi lavici ed attività esplosiva. Chiusa la pista dell’aeroporto di Catania

L’Etna non si placa e continua a dare spettacolo: lo ha fatto, per la sedicesima volta dal 16 febbraio scorso, con un’intensa e prolungata attività parossistica cominciata dopo le 23 di ieri dal cratere di Sud-Est con fontana di lava, trabocchi lavici e l’emissione di una nube eruttiva alta circa 6 chilometri. La cenere, sospinta dal vento, è caduta in direzione Sud-Sud-Est e anche a Catania provocando la chiusura di un settore dello spazio aereo e della pista dell’aeroporto perché contaminata.  Nello scalo si sono immediatamente svolte le attività di pulizia e bonifica. Da bocche del vulcano emergono due colate: una ben alimentata in direzione Valle del Bove che ha raggiunto una quota tra i 1.900 e 1.800 m circa, ed un’altra meno alimentata in direzione sud che si attesta in area sommitale. Dalle osservazioni dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo emerge che continua l’attività esplosiva al Cratere di Sud Est. A partire dalle 3:30 l’ampiezza media del tremore vulcanico è in decremento, pur mantenendosi ancora su valori alti. Numero e ampiezza degli eventi infrasonici rimangono elevati. Permangono le deboli variazioni osservabili sui segnali delle stazioni tilt. Nessuna variazione significativa rilevabile dalla rete Gnss. 

Related posts

Caso Martina Rossi, i due condannati per la sua morte vorrebbero andare ai servizi sociali per evitare il carcere

Redazione Ore 12

Operazione contro la ‘ndrangheta, 30 misure cautelari

Redazione Ore 12

Salute, Lega del Filo d’Oro e l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti: “Riconoscere diritti a persone sordocieche”

Redazione Ore 12