Primo piano

In arrivo il grande freddo dalla Russia. Sarà un Natale da brividi

E’ in arrivo il grande freddo dalla Russia, tracollo delle temperature a Natale. L’alta pressione delle Azzorre che in queste ore si sta sempre più espandendo sul nostro Paese, nei prossimi giorni provocherà con i suoi improvvisi spostamenti a spasso per il continente, una prima importante irruzione di venti freddi dalla Russia. Il team de iLMeteo.it avvisa che fino a venerdì l’atmosfera sull’Italia non subirà grossi scossoni. Le cose muteranno a iniziare dal weekend. Dando uno sguardo allo scacchiere europeo emerge chiaramente come già dalla giornata di sabato 18una massa di aria molto fredda inizierà a scivolare dall’Europa orientale investendo dapprima i Balcani, per poi puntare dritta verso il bacino del Mediterraneo (Porta della bora). Per questo motivo ci aspettiamo un vero e proprio tracollo delle temperature a partire dalle regioni nord-orientali che poi si estenderà a tutta l’Italia.
Col passare delle ore entreremo nel vivo di questa ondata gelida che provocherà anche la formazione di un minimo depressionario e la possibilità di nevicate fino a quote collinari sulle regioni adriatiche.
Condizioni più stabili invece sul resto dell’Italia, ad eccezione delle nebbie, diffuse sulle pianure del Nord. Qui però saranno le temperature a far parlare di sé, con valori ampiamente sotto zero di notte e di 1°C circa sopra di giorno sulla Val Padana e zone interne del Centro.
Sabato sarà una giornata di ghiaccio per il Nord Italia! Ma la vera sorpresa è attesa tra la successiva notte e nelle prime ore di domenica 19 quando, grazie ad un ulteriore ingresso di aria gelida, ci aspettiamo un vero e proprio assalto invernale ancora una volta a carico del Centro-Sud.
Vista l’intensità delle precipitazioni e le correnti molto fredde non escludiamo la possibilità di rovesci nevosi fino in pianura e sulle coste di Marche, Abruzzo, Molise, Basilicata, Puglia e a bassissimaquota su Campania, Calabria e Sicilia.

Related posts

Il colore giallo domina l’Italia, solo Sardegna, Sicilia e Valle d’Aosta sono arancioni

Redazione Ore 12

Siaarti-Aaroi-Emac: “Ripensare il sistema extraospedaliero dell’emergenza”

Redazione Ore 12

Missione artica per Marina Militare Italiana ed Enea

Redazione Ore 12