Imprese e Sindacato

“In pensione a 62 anni”

Cgil, Cisl e Uil riaprono il cantiere della riforma e lanciano tre proposte: sull’età, sui contributi (41 anni) e di garanzia per i giovani

 

In pensione a 62 anni di età o con 41 anni di contributi. E’ questa la proposta principale con cui Cgil, Cisl e Uil si preparano a riaprire il cantiere sulla riforma delle pensioni, che potrebbe decollare entro metà mese. Il ‘pacchetto’, secondo le news, comprende anche pensione di garanzia per giovani, lavoratori discontinui e con basse retribuzioni; tutela delle donne, le maggiori vittime dell’inasprimento dei requisiti pensionistici degli ultimi anni; tutela dei lavori di cura, di chi svolge lavori usuranti e gravosi; sostegno del reddito dei pensionati; rilancio della previdenza complementare e trasparenza sui dati della spesa previdenziale e assistenziale. La disponibilità del governo al confronto c’è, come lo stesso ministro del Lavoro, Andrea Orlando, ha annunciato nei giorni scorsi. Quota 100 terminerà la sua sperimentazione con il prossimo dicembre, i tavoli prioritari sulle politiche attive e la riforma degli ammortizzatori sono stati già incardinati nella discussione con le parti sociali, con le quali a breve formulare testi base, e sono finalmente partite le Commissioni tecniche chiamate a valutare sia la possibilità di separare la spesa previdenziale da quella assistenziale che ad individuare il perimetro dei cosiddetti lavori gravosi.  Ad alimentare un dibattito, facile ad infiammarsi velocemente, anche la proposta del presidente Inps, Pasquale Tridico che nei giorni scorsi aveva dato corpo ad una ipotesi di pensionamento ispirato ad una maggiore flessibilità senza che questa gravi sulla sostenibilità della spesa pensionistica per le casse dello Stato, che è poi il cuore del problema. La proposta Tridico prevede la divisione in due dell’assegno pensionistico: solo la parte contributiva potrebbe dare corso ad una uscita verso i 62-63 anni con 20 anni di contribuzione e al relativo pagamento. Questa parte, aveva sottolineato Tridico, si potrebbe legare alla cosiddetta staffetta generazionale che prevede un orario ridotto per fare spazio a nuovi giovani occupati; la parte retributiva invece, si potrebbe ottenere solo al raggiungimento dei 67 anni prevedendo alcune agevolazioni come lo ‘sconto’ di 1 anno per ogni figlio per le donne lavoratrici oppure 1 anno in meno ogni 10 anni di lavori usuranti e gravosi. Allo studio dell’Inps anche una possibile pensione di garanzia per i giovani con carriere discontinue che si profilerebbe come un sostegno strutturale per gli assegni di pensione bassi.

Related posts

Il turismo senza stranieri costerà all’Italia 12 miliardi di euro

Redazione Ore 12

Whirpool, i lavoratori bloccano l’alta velocità alla Stazione di Napoli e a Brescia la Timken licenzia i suoi 106 dipendenti

Redazione Ore 12

Agroalimentare, Ue: verso obbligo origine in etichetta dal 2022

Redazione Ore 12