Imprese e Sindacato

Industria, sette passi avanti

A luglio 2021 l’Istat stima una crescita della produzione dello 0,8%, ma il balzo in avanti su base annua è del 7%

A luglio 2021 l’Istat stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti dello 0,8% rispetto a giugno. Nella media del periodo maggio-luglio il livello della produzione cresce dello 0,6% rispetto ai tre mesi precedenti. Corretto per gli effetti di calendario, a luglio 2021 l’indice complessivo aumenta in su base annua del 7% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 22 contro i 23 di luglio 2020). L’indice destagionalizzato mensile mostra un aumento congiunturale marcato per i beni strumentali (+1,9%) e per i beni intermedi (+1,4%), leggermente più contenuto per i beni di consumo (+0,9%); diminuisce, invece, nel comparto dell’energia (-1,5%). Corretto per gli effetti di calendario, a luglio 2021 l’indice complessivo aumenta in termini tendenziali del 7,0% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 22 contro i 23 di luglio 2020). Crescono in misura particolarmente marcata i beni intermedi (+11,9%) e con minore intensità i beni strumentali (+7,0%) e quelli di consumo (+5,1%). L’energia registra una lieve flessione (-0,6%). Tutti i principali settori di attività economica mostrano aumenti su base tendenziale, ad esclusione delle attività estrattive. Gli incrementi maggiori riguardano la fabbricazione di apparecchiature elettriche (+12,5%), la metallurgia e la fabbricazione di prodotti in metallo (+11,9%) e la fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche (+9,8%).

Related posts

Imprese, non solo chiusure. Crollano le nascite di nuove attività (-13,3%)

Redazione Ore 12

Dalle Briglie dell’Arno dodici impianti per produrre energia elettrica

Redazione Ore 12

In crescita tra gli italiani la paura dei licenziamenti. Il futuro diventa incerto

Redazione Ore 12