Primo piano

L’affanno di arrivare a fine mese

Secondo un Report della Banca d’Italia il 60% delle famiglie ha serie difficoltà economiche. Spese tagliate per bar, ristoranti e abbigliamento

Oltre il 60% dei nuclei familiari consultati per misurare gli effetti della crisi Covid dichiara di avere difficoltà economiche ad arrivare alla fine del mese. Lo afferma uno studio della Banca d’Italia, sottolineando che “si tratta di 10 punti percentuali in più rispetto al periodo precedente la pandemia”. I maggiori problemi sono riferiti laddove il capofamiglia è un lavoratore autonomo. A causa della crisi legata al Covid, un quarto delle famiglie pensa di ridurre i propri consumi non durevoli nei prossimi tre mesi. I comportamenti di consumo delle famiglie, infatti, continuano ancora a risentire dell’emergenza sanitaria: oltre l’80% dichiara di aver ridotto le spese per servizi di alberghi, bar e ristoranti e di aver effettuato meno frequentemente acquisti in negozi di abbigliamento rispetto al periodo precedente la pandemia; una quota pari a due terzi riporta una spesa più bassa per i servizi di cura della persona. A causa della crisi legata al Covid, un quarto delle famiglie pensa di ridurre i propri consumi non durevoli nei prossimi tre mesi. I comportamenti di consumo delle famiglie, infatti, continuano ancora a risentire dell’emergenza sanitaria: oltre l’80% dichiara di aver ridotto le spese per servizi di alberghi, bar e ristoranti e di aver effettuato meno frequentemente acquisti in negozi di abbigliamento rispetto al periodo precedente la pandemia; una quota pari a due terzi riporta una spesa più bassa per i servizi di cura della persona. La flessione della spesa sarebbe più pronunciata per i nuclei in cui il reddito è diminuito tra gennaio e febbraio e che hanno più difficoltà a fronteggiare le spese mensili; riguarderebbe però anche parte (circa un quinto) di coloro che si aspettano un incremento di reddito nel 2021. Tutti questi dati si trovano nella pubblicazione diffusa sul sito della Banca d’Italia, della serie “Note Covid-19”, dal titolo “Principali risultati della quarta edizione dell’Indagine Straordinaria sulle Famiglie italiane”. Le famiglie italiane, inoltre, non si aspettano che l’emergenza sanitaria venga superata entro un orizzonte ravvicinato: solo il 16% ritiene che verrà meno nel corso del 2021, mentre un terzo pensa che si protrarrà almeno fino al 2023. Quasi il 70% delle famiglie prevede per l’anno in corso un reddito pari a quello percepito nel 2020. Poco più di un sesto si attende che sarà inferiore; questa quota sale a un quarto tra coloro che ritengono che l’emergenza si protragga più a lungo (almeno per altri due anni).

Related posts

Udito Italia: ascoltiamo in modo sicuro per una migliore qualità della vita

Redazione Ore 12

Falso commercialista finisce nei guai in Toscana, smascherato dalle Fiamme Gialle

Redazione Ore 12

La panchina-ricordo dedicata a Borsellino accanto a due scuole di Reggio Calabria

Redazione Ore 12