Economia e Lavoro

Lagarde (Bce): “Non stiamo facendo tapering, ma ricalibrando gli acquisti”

“Non stiamo facendo tapering, stiamo ricalibrando il PEPP, così come abbiamo già fatto a dicembre e a marzo”, sulla base delle previsioni aggiornate sull’andamento dell’economia e della pandemia. Ha risposto così la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde, nella conferenza stampa post meeting della Bce, alla prima domanda che le chiedeva conto dell’unica novità annunciata: il cambiamento del ritmo degli acquisti netti di attività nel quadro del Programma di acquisto per l’emergenza pandemica (PEPP). “Siamo convinti della nostra decisione di ricalibrare il programma di acquisti per i prossimi tre mesi”, ha aggiunto Lagarde, citando come motivazione il “rimbalzo dell’economia europea” che la BCE sta osservando. Lagarde ha affermato che la decisione odierna sul PEPP è stata “presa all’unanimità” dal Consiglio direttivo della Banca centrale europea, che però non ha “discusso su cosa viene dopo”, in quanto questo sarà qualcosa di cui i banchieri centrale dell’eurozona parleranno nei prossimi mesi, specialmente nella riunione di dicembre. “Quando PEPP arriverà al termine, ci saranno comunque altri strumenti come l’APP (della cui fine è prematuro parlare)”, ha aggiunto. Pressata sul fornire maggiori dettagli su quanto la decisione odierna sul PEPP fosse stata davvero all’unanimità, ha risposto: “È stata all’unanimità su tutti i fronti, dal ritmo e quindi sulle parole “moderatamente inferiore” a tutto il resto. Quindi mi spiace per coloro che vogliono parlare di colombe contro falchi, ma questa volta non si può”. L’istituzione di Francoforte si aspetta che l’inflazione aumenterà ulteriormente questo autunno, ma diminuirà l’anno prossimo. “Questa temporanea ripresa dell’inflazione riflette principalmente il forte aumento dei prezzi del petrolio dalla metà dello scorso anno, l’inversione della riduzione temporanea dell’IVA in Germania, le vendite estive ritardate nel 2020 e le pressioni sui costi derivanti da carenze temporanee di materiali e attrezzature”, ha detto Lagarde. Le nuove proiezioni comunicate oggi prevedono un’inflazione annua al 2,2% nel 2021, all’1,7% nel 2022 e all’1,5% nel 2023, riviste al rialzo rispetto alle precedenti proiezioni di giugno. La BCE stima inoltre un’espansione del PIL del 5% quest’anno, al di sopra del 4,6% immaginato a giugno, mentre l’anno prossimo si prevede una crescita del 4,6%, sostanzialmente invariata rispetto alla precedente proiezione del 4,7%. Per il 2023 è atteso un +2,1%.

Related posts

Agroalimentare, al via il Sana di Bologna: un intero Salone dedicato tutto al biologico

Redazione Ore 12

La crisi generata dalla pandemia ha messo in ginocchio le famiglie italiane, crescono le rate dei mutui non pagate

Redazione Ore 12

Analisi Confartigianato su dati Istat- Manifattura incerta, tra guerra e prezzi energia, ma in 5 anni valore aggiunto in Italia +5% vs +0,7% Francia  e -3% Germania

Redazione Ore 12