Esteri

Mar Nero, la Nato chiede alla Russia l’accesso ai porti ucraini. Verso l’area anche navi da guerra del Regno Unito


Acque agitate nel Mar Nero, infatti la NATO è preoccupata per i piani della Russia di limitare l’accesso a una serie di aree del Mar Nero, chiede il libero accesso ai porti ucraini sul Mar d’Azov, così come la libertà di navigazione, ha detto venerdì il portavoce della NATO Oana Lungescu.
“Siamo preoccupati dai rapporti secondo cui la Russia intende limitare l’accesso a parti del Mar Nero e dello stretto di Kerch. Questa sarebbe una mossa ingiustificata e parte di un modello più ampio di comportamento destabilizzante da parte della Russia. Chiediamo alla Russia di garantire il libero accesso a Porti ucraini nel Mar d’Azov e consentono la libertà di navigazione “, ha detto Lungescu in una nota.
La “militarizzazione in corso” da parte della Russia della Crimea, del Mar Nero e del Mar d’Azov sono ulteriori minacce all’indipendenza dell’Ucraina dall’Ucraina e minano la stabilità della regione più ampia, ha aggiunto la dichiarazione.
Il 14 aprile, il dipartimento di navigazione e oceanografia del ministero della Difesa russo ha dichiarato che dalle 21:00 del 24 aprile alle 21:00 del 31 ottobre, il diritto di passaggio nelle acque territoriali russe in tre regioni del Mar Nero è stato sospeso per le navi da guerra straniere e per le navi di altri stati. Allo stesso tempo, è stato sottolineato che le zone previste per la chiusura non interferirebbero con la navigazione attraverso lo stretto di Kerch, inoltre, si trovano tutte all’interno delle acque territoriali della Russia.
Inoltre navi da guerra della Royal Navy britannica salperanno per il Mar Nero a maggio in solidarietà con Kiev in mezzo a un’escalation della crisi ucraina, riferisce il Sunday Times.
Fonti navali hanno riferito al Sunday Times che un cacciatorpediniere di tipo 45 armato di missili antiaerei e una fregata di tipo 23 antisommergibile si separerà dal gruppo di trasporto della Royal Navy nel Mediterraneo e si dirigerà attraverso il Bosforo nel Mar Nero il mese prossimo.
I jet stealth RAF F-35B Lightning e gli elicotteri da caccia ai sottomarini Merlin saranno pronti sull’ammiraglia del gruppo di lavoro, il vettore HMS Queen Elizabeth, per supportare le navi da guerra nel Mar Nero, scrive il quotidiano, specificando che l’esibizione di forza al largo della costa L’Ucraina, ha lo scopo di dimostrare solidarietà a Kiev e agli alleati della NATO.
Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo americano, Joe Biden, hanno parlato al telefono dell’Ucraina martedì. Biden ha detto di essere preoccupato per la Russia che ammassa truppe vicino al confine e ha chiesto a Mosca di allentare le tensioni con il suo vicino.
La Russia sostiene che il movimento delle truppe mira a garantire la sicurezza nazionale in risposta alla formazione della NATO vicino ai confini della Russia.
Il 14 aprile, il dipartimento di navigazione e oceanografia del ministero della Difesa russo ha pubblicato un bollettino in cui si afferma che dal 24 aprile al 31 ottobre non ci sarà alcun passaggio attraverso il mare territoriale della Russia per navi da guerra straniere e altre navi statali in tre aree d’acqua del Mar Nero. Il bollettino ha rilevato che le zone di cui è prevista la chiusura non impediranno la navigazione attraverso lo stretto di Kerch e si trovano nelle acque territoriali della Russia.
Il ministero degli Esteri ucraino ha presentato una protesta a Mosca per la chiusura e l’ha definita una violazione delle norme e dei principi del diritto internazionale, poiché l’Ucraina ha il diritto di effettuare spedizioni regolari in queste aree del Mar Nero.
In particolare, lo stesso Stretto di Kerch e il percorso per raggiungerlo, secondo il bollettino del ministero russo, non fanno parte le vie marittime che dovrebbero essere chiuse.
Il ministero degli Esteri russo ha dichiarato giovedì che i paesi membri della NATO con le loro azioni provocatorie stanno aggravando la situazione intorno all’Ucraina, che non rientra nell’area di responsabilità dell’alleanza, e stanno alimentando lo stato d’animo per “una sorta di vendetta militare”.
Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha confermato che gli Stati Uniti hanno annullato il passaggio di due cacciatorpediniere attraverso il Bosforo nel Mar Nero. Il Pentagono, tuttavia, ha rifiutato di confermare o smentire i rapporti secondo cui Washington ha annullato lo spiegamento delle sue navi da guerra nel Mar Nero per non inasprire le tensioni con Mosca. Secondo un portavoce del Pentagono, attualmente non ci sono mezzi navali statunitensi nel Mar Nero.

Related posts

Usa, travolge con un Suv una parata natalizia. Almeno 5 le vittime e una quarantina i feriti

Redazione Ore 12

Libia, non c’è accordo al Forum di Ginevra. Le posizioni tra le parti restano distanti

Redazione Ore 12

Tempesta glaciale negli Usa, sale a 21 vittime il bilancio dell’ondata di maltempo

Redazione Ore 12