Esteri

Medio Oriente, gli Usa riducono la difesa anti-aerea

Gli Stati Uniti stanno riducendo la loro difesa antiaerea in Medio Oriente, dopo averla rafforzata nel 2019 e nel 2020 a causa delle tensioni con l’Iran. Lo ha annunciato il Pentagono spiegando chedalla regione saranno ritirate entro questa estate alcune forze e attrezzature, principalmente per la difesa antiaerea. “Alcune di queste apparecchiature saranno restituite agli Stati Uniti per la manutenzione e le riparazioni necessarie. Altre saranno ridistribuite in altre regioni”, ha aggiunto il portavoce del Pentagono, Jessica McNulty, senza specificare se questa attrezzatura sarà redistribuita nella regione indo-pacifica, dove il Pentagono vuole concentrare i suoi sforzi di fronte all’ascesa della Cina. “Non forniremo dettagli”, ha osservato. Secondo il Wall Street Journal, all’inizio di giugno il Pentagono ha iniziato a ritirare otto batterie antimissile da Iraq, Kuwait, Giordania e Arabia Saudita, oltre a uno scudo antimissile Thaad che era stato schierato in Arabia Saudita. Ogni batteria antimissilistica richiede la presenza di diverse centinaia di soldati, e il loro ritiro comporta la partenza di migliaia di americani dalla regione. “Manteniamo una solida presenza militare nella regione, adeguata alla minaccia, e siamo fiduciosi che questi cambiamenti non influenzeranno i nostri interessi di sicurezza nazionale”, ha sottolineato il portavoce.

Related posts

Russia, strage in una scuola della Repubblica del Tartan. Le vittime sono almeno 11

Redazione Ore 12

Birmania, assassinate dai golpisti altre 12 persone ma le proteste non si fermano

Redazione Ore 12

Afghanistan, il caos dell’evacuazione imputabile al Dipartimento di Stato

Redazione Ore 12