Roma Capitale

Multiservizi, proteste in Campidoglio di FdI e Sindacati

“Internalizzazione unica soluzione” e “Multiservizi no alla svendita” sono i cartelli esposti per protesta dal gruppo capitolino di Fratelli d’Italia, nel corso della seduta di consiglio odierna. L’interruzione dei lavori a opera di Fdi ha portato in Aula Giulio Cesare le preoccupazioni dei lavoratori che dalle 14 e fino alle 17, terranno in piazza del Campidoglio un’assemblea pubblica per protestare contro la messa a gara del servizio scolastico integrato delle scuole dell’infanzia e dei nidi capitolini.
“Il Comune di Roma Capitale – spiegano in una nota Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti – dichiara di voler affidare, attraverso la gara a doppio oggetto, il servizio scolastico integrato delle scuole dell’infanzia e dei nidi capitolini a società e cooperative private; quella gara, su cui pende un giudizio per un ricorso legale, è la stessa che l’attuale maggioranza di governo della nostra città, quando era minoranza, aveva contestato in aula ed in piazza a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori”. L’attuale governo della città “contrappone come unica alternativa percorribile un bando di gara ‘ponte’ che consegnerebbe il servizio ad una o più realtà societarie private e fornisce indicazione ad Ama di dismettere le quote di partecipazione in Romamultiservizi, entro la fine del 2022, disperdendo un patrimonio azionario pubblico – spiegano i sindacati -. Dunque, se tre indizi fanno una prova, l’obiettivo è chiaro: si vuole consegnare un servizio essenziale e di interesse generale per la cittadinanza alle logiche di profitto del mercato privato, privando i lavoratori che lo svolgono della dignità lavorativa che meritano. Una scelta inaccettabile e compiuta in perfetta continuità con la Giunta precedente”.
Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti “non hanno cambiato idea: il bando va ritirato ed il servizio scolastico integrato delle scuole capitoline e quelli essenziali e di interesse generale di primaria importanza dedicati ai cittadini devono essere gestiti direttamente dal Comune di Roma Capitale attraverso una società in house, esistente o neocostituita, di sua completa proprietà”.

 

Related posts

Colpo di scure sulla ciclabile della Raggi sulle banchine del Tevere

Redazione Ore 12

La storia del Microcredito della città di Roma in una mostra itinerante

Redazione Ore 12

Cgil-Associazioni, una giornata per far ripartire il dialogo sociale

Redazione Ore 12