Economia e Finanza

Operativo il Fondo Corporate Partners I di Cdp Venture Capitale Sgr. Dotazione da 180 milioni

È operativo il Fondo Corporate Partners I di Cdp Venture Capital Sgr, il fondo di corporate venture capital che mira a coinvolgere le principali aziende italiane per far crescere l’ecosistema “venture” italiano grazie all’investimento e al supporto a startup e Pmi innovative nei settori più strategici per il Paese. Lo riferisce un comunicato stampa, secondo cui negli Stati Uniti oggi il corporate venture capital contribuisce più del 50 per cento al totale degli investimenti in startup, mentre in Italia, per ora, soltanto il 20 per cento. Con una dotazione iniziale di 180 milioni di euro allocati da CDP Equity e dal Ministero dello Sviluppo economico, il Fondo opera su quattro comparti: IndustryTech, EnergyTech, ServiceTech e InfraTech, ciascuno focalizzato su una filiera strategica, con la partecipazione operativa delle corporate dello specifico settore di competenza. L’obiettivo del Fondo Corporate Partners I è di chiudere la raccolta in tutti i comparti entro la fine del 2021, con un target di sottoscrizioni pari a 100 milioni di euro per ciascuno dei quattro ambiti previsti. Per contribuire a colmare questa distanza, Cdp Venture Capital ha scelto di promuovere, attraverso il fondo Corporate Partners I, lo sviluppo di questo elemento fondamentale dell’ecosistema. Con una dotazione iniziale di 180 milioni di euro allocati da Cdp Equity e dal ministero dello Sviluppo economico, il Fondo opera su quattro comparti: IndustryTech, EnergyTech, ServiceTech e InfraTech, ciascuno focalizzato su una filiera strategica, con la partecipazione operativa delle corporate dello specifico settore di competenza. Nelle prime settimane di operatività, il Fondo Corporate Partners I ha già siglato un primo importante closing da 57 milioni di euro, relativo all’Industry Tech, comparto orientato alla ricerca di soluzioni legate a nuove tecnologie nel settore industriale manifatturiero, per la produzione e l’automazione industriale nei campi della robotica, stampa 3d, Internet of Things, applicazioni di nuovi software e hardware per la gestione e il controllo dei processi o soluzioni per la sicurezza degli operatori tramite sensoristica VR & AR. Grandi aziende di primo piano nel settore industriale e manifatturiero italiano, come il Gruppo Adler, leader nella produzione di soluzioni per l’industria dei trasporti, il Gruppo Camozzi, leader nell’automazione industriale e il Gruppo Marcegaglia, leader nella trasformazione dell’acciaio, sono infatti i primi investitori corporate del Fondo che sarà completato con l’ingresso di nuovi referenti provenienti dai diversi settori-chiave nel prossimo futuro.

Related posts

Ue, Draghi: “Italia e Germania forti solo se lo è l’ Europa”

Redazione Ore 12

Usura all’ombra del Covid

Redazione Ore 12

Investimenti di oltre due miliardi per fare bello il porto di Genova

Redazione Ore 12