Covid

Pandemia, in Italia numeri positivi per la Pandemia. Rt medio al di sotto della soglia epidemica e solo quattro e Regioni – Province autonome a rischio moderato

E’ in miglioramento la pandemia Covid in Italia. Nel periodo 25 agosto-7 settembre, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato di 0,85, al di sotto della soglia epidemica e in diminuzione rispetto alla settimana precedente quando il valore era pari a 0,92. Scende anche l’incidenza dei casi ogni 100mila abitanti, che passa, nel valore nazionale, da 64 della scorsa settimana a 54 di quest’ultima (periodo 10-16 settembre). “Nel periodo 25 agosto – 7 settembre” “si osserva una diminuzione anche dell’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero (Rt = 0,86 (0,82-0,90) al 7/9/2021 vs Rt = 0,90 (0,86-0,94) al 31/8/2021). La elevata proporzione di soggetti giovani e asintomatici evidenziata dai dati epidemiologici pubblicati dall’Istituto Superiore di Sanità – si legge nella bozza – va considerata nella lettura di queste stime di trasmissibilità”. Lieve lieve calo nell’occupazione delle terapie intensive e nei ricoveri. Il tasso di occupazione da parte dei pazienti Covid-19 nei reparti di terapia intensiva in Italia “è in lieve diminuzione al 6,1% (secondo la rilevazione giornaliera del ministero della Salute), con il numero di persone ricoverate in diminuzione da 563 (7/09/2021) a 554 (14/09/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale diminuisce leggermente al 7,2%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in diminuzione da 4.307 (7/09/2021) a 4.165 (14/09/2021). Secondo il Report sono quattro le Regioni e province autonome classificate a rischio moderato: Abruzzo, Molise e le province di Trento e Bolzano. Le restanti 17 Regioni e province autonome risultano classificate a rischio basso. La circolazione della variante Delta è prevalente in Italia – si ricorda ancora nel Report-. Questa variante è dominante nell’Unione Europea ed è associata ad un aumento nel numero di nuovi casi di infezione anche in altri paesi con alta copertura vaccinale”. E ancora, si sottolinea che “è opportuno realizzare un capillare tracciamento e contenimento dei casi, mantenere elevata l’attenzione ed applicare e rispettare misure e comportamenti per limitare l’ulteriore aumento della circolazione virale”.
aggiornamento Pandemia del 17 settembre ore 15.00

Related posts

L’Oms raccomanda il vaccino AstraZeneca per tutte le fasce d’età

Redazione Ore 12

Lopalco (Epidemiologo): “Il Covid endemico non vuol dire che il virus è morto”

Redazione Ore 12

Israele, dopo la terza dose crollano i contagi e i ricoveri

Redazione Ore 12