Covid

Per la seconda settimana consecutiva aumentano i ricoveri pediatrici per Covid

Per la seconda settimana consecutiva aumentano i ricoveri di pazienti Covid (+8,6%) ma l’incremento è meno marcato rispetto a quello registrato una settimana fa (+10,7%) e riguarda solo i ricoveri ordinari. È quanto emerge dalla rilevazione negli ospedali sentinella della Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso) del 29 marzo. A incidere maggiormente sul rialzo delle ospedalizzazioni Covid è il Centro, con un +16%, mentre al Nord l’aumento si ferma al 2% e al Sud e nelle isole fa registrare un +8%. La curva dei ricoveri, in discesa dal 1° febbraio, ha invertito direzione ormai da 15 giorni. A crescere, tuttavia, sono solo le ospedalizzazioni nei reparti ordinari, che nella rilevazione del 29 marzo fanno segnare un aumento del 9,4%, a differenza delle terapie intensive dove il numero complessivo di pazienti Covid scende del 3,4%. I pazienti ricoverati ‘con Covid’ sono ormai la maggioranza sia nei reparti ordinari che nelle rianimazioni. Da segnalare, inoltre, come tra i vaccinati nei letti di terapia intensiva il 100% presenti comorbidità: sono le persone più fragili che, pur se coperte da dosi adeguate di vaccino, possono andare incontro a quadri di Covid gravi.

“Per la seconda settimana consecutiva- afferma il presidente Fiaso, Giovanni Migliore- crescono i ricoveri Covid ma siamo ormai di fronte a una nuova fase dell’epidemia che, grazie alla grande campagna vaccinale, investe meno le terapie intensive e provoca una malattia meno grave”. “La preponderanza dei casi ‘con Covid’, sia in area medica che nelle intensive- aggiunge- testimonia l’efficacia della protezione vaccinale da un lato e, dall’altro, la minor aggressività del virus attualmente circolante, due elementi rispetto ai quali occorre organizzare adeguatamente l’assistenza”.

“La presenza in rianimazione di pazienti vaccinati e tutti affetti da altre gravi patologie- prosegue- indica la necessità di continuare ad adottare interventi di prevenzione primaria e di non allentare l’attenzione nelle regole di protezione come il distanziamento e l’uso delle mascherine“.

Secondo Migliore “sono inoltre necessarie campagne informative dirette alle persone fragili che non si sono mai vaccinate: è possibile che una quota di disinformazione possa aver giocato nel rifiuto della vaccinazione per questi soggetti, il cui rischio è nettamente più alto. Alla luce di questi dati va inoltre ribadita l’importanza della quarta dose per i soggetti estremamente fragili”, conclude.

Per quanto riguarda i bambini, nella settimana 22-29 marzo, stando ai dati degli ospedali pediatrici e dei reparti di pediatria aderenti alla rete sentinella Fiaso, la curva dei ricoveri pediatrici registra un aumento del 23%. Nella rilevazione del 22 marzo era scesa del 6% mentre nel report del 15 marzo era cresciuta del 48%. Il dato continuamente altalenante registrato nel corso delle settimane in pediatria non consente di fare valutazioni appropriate dei trend. Da 15 giorni nei reparti Covid degli ospedali pediatrici sono presenti anche piccoli pazienti di origine ucraina. La classe di età più colpita come sempre è quella fra 0 e 4 anni, pari al 53%. Il 30%, invece, ha fra i 5 e gli 11 anni. Migliora la protezione vaccinale offerta dai genitori ai piccolissimi: tra i casi di neonati ricoverati il 73% ha entrambi i genitori vaccinati mentre il 27% ha sia la madre sia il padre o uno dei due genitori no vax.

aggiornamento pandemia Covid ore 16.21

Related posts

Misure anti-Covid, Regione Calabria chiude le scuole per due settimane

Redazione Ore 12

Finisce lo stato d’emergenza, ma resta la struttura commissariale. Via Figliuolo ma al suo posto arriva un altro generale

Redazione Ore 12

Rapporto Gimbe, virus in ritirata: “Si svuotano ospedali e terapie intensive. I vaccini bloccano la variante Delta”

Redazione Ore 12