Roma Capitale

Roma, Teatro Villa Pamphilj: online il format “Anarchy in The U Kitchen Easter Special Edition”

Lunedì 5 aprile 2021, alle ore 12, va in onda sulle pagine social del Teatro Villa Pamphilj, “Anarchy in The U Kitchen Easter Special Edition”. Dopo essersi destreggiata tra frittate e polpette durante le prime due stagioni, Anna Maria Piccoli – protagonista (e ideatrice) del format che ha raggiunto decine di migliaia di visualizzazioni durante le precedenti edizioni – torna tra i fornelli per una puntata speciale, in cui proporrà il suo particolare menù fatto di “cucina & cultura”, pensato per una Pasquetta in zona rossa e sottolineato dalle note di Carlo Amato (Tetes de Bois) che da sempre condisce musicalmente ogni ricetta di Anarchy. Tra gli ingredienti troveremo le immancabili uova, ma anche cipolle, fave, carciofi e piselli mescolati con le parole di due immensi poeti come Emily Dickinson e Pablo Neruda, citazioni della Sora Lella e un testo dell’indimenticabile Francesco Di Giacomo letto da Francesco Amato, Matilde Biciocchi, Valerio Bucci, Caterina Calabretta, Adele ed Aldo Castagna, Eugenio Saletti, Stanislao e Gea Satta e Nina Solfiti, un gruppo di bambini e ragazzi tra i 4 e i 23 anni, dalla scuola dell’infanzia, all’Università, poiché nessuno più di loro rende il senso dell’inesorabile Primavera. Anna Maria Piccoli è un personaggio poliedrico, trasgressiva bassista punk e performer nei favolosi anni ’80, ha trascorso tutta la sua vita professionale ad organizzare spettacoli e a fiancheggiare artisti di ogni genere e livello. La sua grande passione è fare frittate e polpette, non importa dove e con cosa. Carlo Amato bassista, arrangiatore e compositore, è uno dei fondatori e membri storici del gruppo musicale Tetes de Bois. “Anarchy in the U Kitchen ‘Easter Special Edition'” è una produzione Teatro Villa Pamphilj (Dir. Artistica Veronica Olmi) a cura di Anna Maria Piccoli e rientra nel programma Roma Culture. 

Primavera in giardino: i consigli di Wolf-Garten per la stagione della semina 

La primavera è ormai arrivata: le temperature salgono e il mondo vegetale si risveglia dal suo letargo. È il momento di tornare a godere del nostro giardino (e di prendercene cura!). Visto che, anche nelle prossime settimane, saremo chiamati a restare a casa, perché infatti non dare libero sfogo al nostro “pollice verde”? Nell’ultimo anno, abbiamo trascorso molto più tempo nel nostro spazio domestico, vivendolo con maggiore consapevolezza: è diventato al contempo ambiente di lavoro, relax e svago. Il nuovo rapporto con la casa non riguarda solamente gli interni, ma anche gli spazi esterni, come appunto il giardino, che i primi caldi e le prolungate ore di luce ci invogliano ancora di più a vivere. In questo periodo di rinascita, le vacanze pasquali, il 25 aprile e il 1° maggio, si trasformano quindi nell’occasione perfetta per dedicare al nostro angolo verde le giuste attenzioni, che comprendono, ovviamente, la preparazione del terreno per la stagione della semina. Con l’obiettivo di aiutare anche i meno esperti, Wolf-Garten, brand leader nell’attrezzatura e nei prodotti per il giardinaggio, fornisce alcuni semplici consigli per affrontare al meglio ogni step della rimessa in forma del terreno dopo il torpore dell’inverno. Fase 1: Diserbare Non tutti i tipi di erbacce vanno in letargo, quindi è necessario prestare attenzione alla prima diserbatura primaverile, perché prima ci si libera dalle erbacce, quando sono ancora piccole, meno si diffonderanno nel corso dell’anno. Il consiglio dell’esperto: con denti di leone e cardi, è necessario scavare le radici in modo che le piante non continuino a germogliare. Attrezzature pratiche come il dispositivo combinato Multi-star®, composto da un coltivatore e una sarchiatrice, sono in grado si allentare il terreno e al contempo rimuovere le erbacce. Fase 2: Coltivare prima della semina Lo scavo profondo del terreno, in realtà, andrebbe effettuato in autunno. In primavera è però necessario sbriciolare finemente le zolle grossolane per creare una superficie piana per la semina. Il consiglio dell’esperto: in alternativa all’estirpatore, può essere utilizzato anche un coltivatore, che garantisce un’aerazione e un allentamento del terreno particolarmente intensi. Fase 3: Fornire sostanze nutritive Prima della coltivazione, è importante spargere del fertilizzante organico sul terreno e lavorarlo direttamente nello strato superiore. Il materiale organico si decomporrà nelle settimane successive, garantendo un rilascio uniforme di sostanze nutritive. Il consiglio dell’esperto: utilizzare un attivatore del terreno, alleato validissimo che spesso anche i più ambiziosi giardinieri della domenica non conoscono. Va usato in aggiunta (e non in sostituzione) dei fertilizzanti classici: questi ultimi forniscono al terreno sostanze nutrienti, mentre gli attivatori ottimizzano la qualità del suolo migliorando i processi biologici e moltiplicando i microrganismi. Per ottenere il risultato sperato, l’attivatore del terreno va applicato 1-2 volte tra marzo e ottobre. Se possibile, si consiglia di scegliere esclusivamente preparati a base di erbe, come l’attivatore del terreno Natura Bio di Wolf-Garten, che non sfruttano l’agricoltura intensiva. Fase 4: Seminare Se il terreno è stato preparato come precedentemente descritto, è perfettamente pronto per la nuova stagione: via libera, quindi, alla semina. Il consiglio dell’esperto: bisogna prestare attenzione alla scelta del momento giusto. Alcuni semi non tollerano infatti il gelo notturno e possono essere seminati all’aperto solo da inizio aprile in poi. 

Related posts

Rifiuti Roma, nuovi mezzi, Ama: nessuno spreco di denaro pubblico

Redazione Ore 12

Un “turno” al Gemelli con Giacomo Poretti

Redazione Ore 12

Campagnano di Roma, fermato per possesso di droga. Arrestati anche due coinquilini

Redazione Ore 12