Roma Capitale

Sabaudia, arrestato un medico che prescriveva sostanze per far lavorare di più le maestranze indiane

Un medico di Sabaudia, Sandro Cuccurullo, è stato arrestato con l’accusa di aver prescritto stupefacenti a oltre 200 suoi pazienti di nazionalità indiana. Le ricette non avevano alcuno scopo terapeutico ma solo quello di alleviare la sensazione della fatica e permettere ai lavoratori sfruttati di sopportare turni nei campi di 12 o 16 ore al giorno. Indagati anche un avvocato e una farmacista. I carabinieri dei Nas di Latina hanno scoperto, come riporta il quotidiano Il Messaggero, che il medico avrebbe effettuato circa 222 prescrizioni, a costo zero per i pazienti e a carico del sistema sanitario nazionale, distribuendo così 1.500 confezioni di stupefacenti contenenti ossicodone, un oppioide agonista puro che ha un potere simile alla morfina. La motivazione delle prescrizioni era la necessità di far fronte a turni di lavoro massacranti nei campi tra Sabaudia e Terracina per permettere ai lavoratori di essere resistenti alla fatica. O per meglio dire: resistenti allo sfruttamento.

Related posts

Covid. Omceo Roma: i nuovi decessi tra anziani non vaccinati e soggetti fragili

Redazione Ore 12

Di Berardino (Regione Lazio): “Proposta di legge per la sicurezza sul lavoro”

Redazione Ore 12

Gemma Guerrini lascia il M5S, Raggi non ha più la maggioranza in Campidoglio

Redazione Ore 12