Cronaca

Scomparsa di Saman Abbas, la Procura apre un fascicolo per omicidio premeditato

È di omicidio premeditato l’ipotesi di reato contestata dalla Procura di Reggio Emilia ai familiari di Saman Abbas, la 18enne pachistana scomparsa da oltre un mese da Novellara, dopo essersi opposta ad un matrimonio combinato in patria dove avrebbe dovuto sposare un cugino. L’aggravante della premeditazione è stata confermata da Isabella Chiesi, procuratore capo reggente.
Cinque le persone iscritte nel registro degli indagati: oltre al padre e alla madre anche lo zio e due cugini di Saman, uno dei quali è stato rintracciato in Francia e per il quale è prevista una rogatoria per farlo tornare in Italia. “Continuano le ricerche della persona offesa o dei suoi resti, purtroppo reputiamo che sia deceduta”, dice Chiesi. Il papà della 18enne ha detto in un’intervista alla stampa locale che la figlia sarebbe viva e si troverebbe in Belgio, ospite di un amico. Versione smentita oggi dalla Procura reggiana: “Riscontri positivi a quello che ha detto il padre non ce ne sono. Abbiamo appurato che in Belgio la ragazza non c’è”. L’intervista aveva invece secondo il procuratore un altro scopo: “Ovviamente voleva far sapere anche agli altri parenti cosa dovevano dire”.
Aggiornamento notizia sulla scomparsa di Saman Abbas 7 giugno 2021 ore 17.30

Related posts

Ardea, le prime parole della madre del killer: “E’ rientrato in casa con la pistola in pugno, era confuso e trafelato. Ho capito subito che aveva combinato qualcosa di brutto e sono fuggita”

Redazione Ore 12

Disastro del Mottarone, il bimbo sopravvissuto chiede dei genitori

Redazione Ore 12

Il manovratore della Funivia del Mottarone ammette le colpe. “Serviva più manutenzione. L’impianto funzionava a singhiozzo”

Redazione Ore 12