Roma Capitale

Scuole, occupazioni degli studenti anche nelle periferie

“Siamo un movimento degli studenti, perché noi studenti siamo il futuro, siamo la nuova generazione, quella che può cambiare il mondo. Non vogliamo sentirci schiavi, vogliamo che tutti abbiano la possibilità di far fiorire i loro punti forti”. Non solo nei licei del centro, anche nelle scuole che protestano in periferia, a Roma, è forte il sentimento di sentirsi parte di un movimento collettivo, come dimostrano queste parole di uno studente dell’IIS ‘Giorgi-Woolf’ tra viale Palmiro Togliatti e Tor Sapienza, occupato da martedì scorso. A differenza dei licei del centro, però, le scuole di periferia soffrono di problematiche specifiche. Dalla prostituzione e la spazzatura intorno alla scuola, alla questione degli orari scaglionati, che pesa molto di più su studenti e studentesse, di cui molti già lavorano e vengono spesso da molto lontano. Nel video ci sono le loro voci e le ragioni della protesta in una scuola di periferia.

Related posts

Cashback su assorbenti è legge regionale. Ok del Consiglio regionale anche a due Mozioni

Redazione Ore 12

Pigneto ed Esquilino, Carabinieri in campo contro il degrado da mala-movida

Redazione Ore 12

Alla Garbatella spunta il ritratto di Alberto Sordi

Redazione Ore 12