Politica

Sì della Camera alla cittadinanza italiana per Patrick Zaki

(Red) Con 358 voti a favore e 30 astenuti la Camera ha approvato la mozione, primi firmatari Lia Quartapelle e Filippo Sensi del Pd, per la concessione della cittadinanza italiana a Patrick Zaki, lo studente egiziano impegnato nella lotta per i diritti umani, che ha frequentato un master all’Università di Bologna, in carcere nel suo Paese dal febbraio 2020. La mozione approvata impegna il Governo: 1) ad avviare tempestivamente mediante le competenti istituzioni le necessarie verifiche al fine di conferire a Patrick George Zaki la cittadinanza italiana ai sensi del comma 2 dell’articolo 9 della citata legge n. 91 del 1992; 2) a continuare a monitorare, con la presenza in aula della rappresentanza diplomatica italiana al Cairo, lo svolgimento delle udienze processuali a carico di Zaki e le sue condizioni di detenzione; 3) a continuare a sostenere, nei rapporti bilaterali con l’Egitto e in tutti i consessi europei ed internazionali, l’immediato rilascio di Patrick Zaki e di tutti i prigionieri di coscienza: difensori dei diritti umani, giornalisti, avvocati e attivisti politici finiti in carcere solo per aver esercitato in modo pacifico i loro diritti fondamentali; 4) a continuare ad adottare iniziative affinché le autorità egiziane rispettino i diritti alla libertà d’espressione, di associazione e di manifestazione pacifica e spezzino il circolo dell’impunità per le gravi violazioni dei diritti umani in corso nel Paese. 5) a promuovere, in sede europea, azioni volte a sostenere le università dell’Unione nella tutela dei diritti umani degli studenti iscritti, nell’ambito della propria attività di studio e ricerca.

Related posts

Foibe, Anpi e Cgil: “Si finisca di piegare le foibe ad un uso distorto della storia”

Redazione Ore 12

Fini, il rientro in scena di un assoluto protagonista e la scommessa sulle qualità della Meloni

Redazione Ore 12

Cariche istituzionali alle opposizioni, Calenda: “Non parteciperemo al voto”

Redazione Ore 12