Imprese e Sindacato

Silvestrini (Cna): “La prima grande riforma è quella della burocrazia, poi quella fiscale”

“La prima grande riforma che noi chiediamo è quella della burocrazia”. A dirlo è il segretario generale della Cna, Sergio Silvestrini, che ieri ha partecipato all’assemblea provinciale dell’associazione di Pesaro Urbino che si è tenuta nello stabilimento dell’azienda Neomec, fiore all’occhiello della meccanica pesarese.
“La prima richiesta è che si spendano bene le enormi risorse che abbiamo a disposizione– premette Silvestrini-. Il Pnrr è l’elemento qualificante per poter dare al paese una distonia positiva e una potente inversione del ciclo economico: questo è il richiamo forte che stiamo facendo ormai da settimane a tutto il Governo. E poi certamente la riforma della burocrazia. Serve un atteggiamento potente e distruttivo di una condizione che è sempre più complessa, difficile ed inaccettabile. Occorre trovare un atteggiamento diverso perché quando i nodi non si sciolgono, si tagliano. Servono intelligenza e risolutezza per aiutare i nostri imprenditori a fare bene quello che sanno fare”.
Secondo il numero uno della Cna le piccole-medie imprese italiane sono pronte a raccogliere la sfida del Pnrr che guarda in particolare a internazionalizzazione, digitalizzazione e transizione ecologica. “Credo che il nostro mondo abbia capito che questo è un settore non solo innovativo ma ad alta profittabilità perché la qualità del consumatore, le esigenze della comunità, vanno in quella direzione- aggiunge Silvestrini-; fare un investimento ecologico, green e verde è diventato un investimento di profittabilità non solo di cultura. E credo che le nostre imprese faranno questo passo. Sta anche a noi dare consiglio, aiuto e prospettive in questo percorso di cambiamento”.

Related posts

Energia, la tecnologia italiana conquista i Caraibi

Redazione Ore 12

Eolico galleggiante tra Italia e Tunisia, le associazioni ambientaliste lo vogliono

Redazione Ore 12

Confturismo: “Dateci data per le riaperture ma il 2 giugno è troppo tardi”

Redazione Ore 12