Economia e Lavoro

Stangata da 2.394 euro a famiglia, Codacons fa i conti su inflazione e caro-energia

 

L’inflazione si conferma su livelli elevatissimi, con il tasso che ad aprile, secondo i dati definitivi dell’Istat, si attesta al 6%.
“I prezzi al dettaglio registrano la cresciuta più sostenuta dal 1990, e la corsa al rialzo dei listini è la più forte degli ultimi 32 anni – afferma il presidente Carlo Rienzi – Una inflazione al 6% si traduce in una stangata pari a +2.394 euro annui per un nucleo con due figli, e +1.843 euro per la famiglia “tipo”, e il rallentamento registrato ad aprile è solo una illusione ottica: il ribasso rispetto al dato di marzo è dovuto infatti unicamente alla riduzione delle bollette di luce e gas disposta da Arera, ma tutti gli altri beni e servizi, dagli alimentari ai trasporti, continuano a registrare fortissimi incrementi su base annua”.
“Un’inflazione così elevata è insostenibile per le famiglie italiane, e avrà inevitabili ripercussioni sul potere d’acquisto e sui consumi dei cittadini – prosegue Rienzi – Per tale motivo il Governo deve fare di più per calmierare i listini al dettaglio e tutelare le famiglie da speculazioni e aumenti ingiustificati dei prezzi”.

Related posts

Bollette e carrello della spesa surriscaldato dall’inflazione impoveriscono le famiglie italiane. Nel 2022 serviranno 1719,98 euro in più

Redazione Ore 12

Confcommercio: “Per le imprese del commercio, della ricettività e della ristorazione maggiore spesa energetica di 30 miliardi”

Redazione Ore 12

Riuso, un mercato che vale 24 miliardi e 80mila addetti

Redazione Ore 12