Cronaca

Strage del Mottarone, gli zii di Eitan: “Dovrebbe avere una casa in Israele, è in ostaggio in Italia”. Reazione dei legali della tutrice: “Acrimonia e falsità

(Red) “Eitan è tenuto in ostaggio in Italia da una famiglia che non gli era vicina in alcun modo. Il diritto di Eitan è che dovrebbe avere una casa dove i suoi genitori volevano che crescesse; come ebreo in una scuola ebraica, e non in una scuola cattolica in Italia. È tenuto prigioniero”. Così Gali e Ron Perry, zii di Eitan, il bimbo di 5 anni sopravvissuto alla strage della Funivia del Mottarone dello scorso maggio, citati da Arutz Sheva. Il bambino è stato affidato alla zia paterna, Aya Biran, che vive in Italia, ma secondo i parenti israeliani è tenuto “in ostaggio”. “Tre mesi fa – ha detto il legale Ronen Dlayahu durante una conferenza stampa, ripreso da Arutz Sheva – la famiglia Peleg ha vissuto un’orribile tragedia. Eitan è stato portato da sua zia, Aya. Da allora, gli è stato impedito di avere un legame stabile e coerente con noi. È tenuto in ostaggio: hanno preso il controllo del suo corpo, della sua mente e della sua anima, esattamente così, per tenerlo in Italia”. La signora Perry, sorella della madre del bambino, ha iniziato l’iter per adottare il piccolo e farlo tornare in Israele.
“Abbiamo un bambino israeliano a due ore di volo da noi. Si trova in un paese in cui i suoi genitori non volevano che vivesse, certamente non nel modo in cui dovrebbe essere educato” ha detto, invece, il marito, Ron Perry.

Legali tutrice Eitan: dichiarazioni zii materni surreali, siamo sbalorditi Pavia

Siamo “sbalorditi per queste surreali dichiarazioni, decisamente inaspettate e fuori contesto. La nomina della dott.ssa Biran Nirko a tutrice di Eitan è stata disposta e confermata dai giudici tutelari competenti. La tutrice si confronta, per quando dovuto e necessario, con il giudice tutelare per il solo bene di Eitan. Non si comprende sinceramente il perché di tanta acrimonia e falsità”.
E’ quanto scrivono, in una nota, gli avvocati Cristina Pagni, Massimo Sana e Armando Simbari, legali di Aya Biran Nirko, zia paterna e tutrice del piccolo Eitan, unico sopravvissuto alla tragedia della Funivia del Mottarone, in seguito a quanto dichiarato dalla zia materna, secondo la quale il bambino sarebbe “in ostaggio in Italia”. La donna ha chiesto che il piccolo ritorni in Israele.

Related posts

E’ morto Tarcisio Burgnich, una leggenda del calcio. Con la grande Inter di Herrera aveva vinto tutto

Redazione Ore 12

Camorra, retata dei Carabinieri a Napoli. 11 gli arresti per usura e droga

Redazione Ore 12

Baby bulli pestano un 13enne a Napoli. Tutti segnalati alla magistratura dai Carabinieri

Redazione Ore 12