Covid

Terza dose di richiamo anticipata a 5 mesi. Circolare del ministero della Salute

“L’intervallo minimo previsto per la somministrazione della dose ‘booster’ (di richiamo) con vaccino a m-RNA, alle categorie per cui è già raccomandata (inclusi tutti i soggetti vaccinati con unica dose di vaccino Janssen) e nei dosaggi autorizzati, è aggiornato a cinque mesi (150 giorni) dal completamento del ciclo primario di vaccinazione, indipendentemente dal vaccino precedentemente utilizzato”. La novità è contenuta nella circolare del ministero della Salute ‘Aggiornamento indicazioni su intervallo temporale tra somministrazione della dose booster e completamento del ciclo primario’, in gazzetta domani e che sarà in vigore da mercoledì. In precedenza, con l’ok dell’Aifa, il Governo aveva riferito nell’incontro con i presidenti delle Regioni che in Italia ci si avvierà verso la possibilità di somministrare la terza dose o il richiamo cinque mesi dopo l’ultima inoculazione.  Il governo valuterà inoltre le altre richieste delle Regioni che chiedono meno restrizioni per i vaccinati per contrastare gli effetti della quarta ondata di Covid. E’ quanto emerge al termine dell’incontro tra i rappresentanti dell’esecutivo e i governatori a palazzo Chigi. E’ probabile che da qui al Consiglio dei ministri di giovedì prossimo ci sia un nuovo incontro tra governo e Regioni.

aggiornamento pandemia Covid del 23 novembre ore 14.46

Related posts

Contagi, anche l’Italia fa i conti sui contagi e scopre il ritorno del rischio. Tutti i casi nelle Regioni

Redazione Ore 12

Ricciardi (Salute): “Non è finita, ci sono varianti contagiosissime”

Redazione Ore 12

Alta efficacia sulle varianti per i sieri, Pfizer ed AstraZeneca

Redazione Ore 12