Politica

Vince il partito dell’astensione. Clamorosa flessione della partecipazione al voto

Le elezioni amministrative 2021 fanno segnare un record negativo sull’affluenza: il dato dei votanti rilevato dal Viminale è pari al 54,69%. Nel 2016 – quando le urne sono state aperte un solo giorno – era stato del 61,52%. Il crollo si è registrato in particolare nelle grandi città, con Roma e Milano sotto il 50% dei votanti. Nella capitale, secondo i dati definitivi del Viminale, alle urne si è recato il 48,83% degli elettori contro il 57,03% delle precedenti elezioni comunali. A Milano ha votato il 47,69% degli aventi diritto contro il 54,65%. Così come in altre grandi città italiane, anche a Napoli le comunali fanno segnare l’affluenza peggiore di sempre per il primo turno delle elezioni amministrative. Alle urne è andato il 47,18% degli aventi diritto; cinque anni fa, al primo turno aveva partecipato il 54,12% degli elettori. Nel 2011, sempre al primo turno, l’affluenza era stata del 60,33%. Nel 2006, alle urne andò il 66,64% dei napoletani. Bologna supera il 50%: alle urne il 51,16% degli elettori, con un calo comunque evidente rispetto al 59,66% delle elezioni comunali precedenti. Alle Comunali di Torino ha votato il 48,06% degli aventi diritto. Si registra un calo di oltre l’8% rispetto alle ultime comunali che avevano avuto una affluenza del 58,6%. E’ il dato definitivo del Viminale sulla affluenza alle urne nel capoluogo piemontese. Solo nel 2016 la percentuale degli elettori alle urne è rimasta sotto il 60%: al primo turno 57,18%, al ballottaggio 54,41%. Dieci anni fa a Torino l’affluenza finale è stata 64,73%, vent’anni fa 82,56%. Il dato più alto nel 1970, con il voto del 93,1% degli aventi diritto. Il dato finale dell’affluenza conferma il trend di ieri, con le periferie che confermano un tasso maggiore di astensione. Sopra il 50% solo la circoscrizione 1 (centro-Crocetta), dove si è registrato il dato più alto (51,43%), la 4 (San Donato-Campidoglio-Parella), e la 8 (la zona collinare di Cavoretto, Borgo Po, San Salvario, Lingotto, Nizza Millefonti, Filadelfia), entrambe al 50,70%. I dati più bassi si registrano, infatti, alla 5 e alla 6, le due circoscrizioni che 5 anni fa avevano premiato l’attuale amministrazione M5s e sulle quali anche stavolta si potrebbe giocare il risultato finale. Barriera Di Milano – Regio Parco – Barca – Bertolla – Falchera – Rebaudengo – Villaretto si fermano infatti al 42,9% mentre Borgo Vittoria – Madonna Di Campagna – Lucento – Vallette al 43,4%.
aggiornamento elezioni amministrative del 5 ottobre 2021 ore 15.03

Related posts

Confronto Meloni-Letta senza alcun punto condiviso

Redazione Ore 12

Landini (Cgil): “Nessuno pensi che l’estensione della vaccinazione risolva i problemi della sicurezza sui luoghi di lavoro”

Redazione Ore 12

Regionali e Comunali, Morra (Antimafia): “Bene l’analisi preventiva sulle liste dei candidati”

Redazione Ore 12