Imprese e Sindacato

Whirpool, i lavoratori bloccano l’alta velocità alla Stazione di Napoli e a Brescia la Timken licenzia i suoi 106 dipendenti

(Red) Blitz dei lavoratori della Whirlpool alla stazione centrale di Napoli. Circa 200 lavoratori dell’azienda hanno bloccato per circa un’ora i binari dei treni ad Alta Velocitá alla Stazione centrale di Napoli. Gli operai hanno esposto striscioni e scandito slogan contro la multinazionale americana. Dopo la protesta che ha creato disagi al trasporto ferroviario tra nord e sud del Paese, i lavoratori si sono spostati all’interno della stazione e nel piazzale antistante continuando il presidio.
Intanto un’altra multinazionale, sempre americana, fa la stessa scelta della Whirpool e licenzia a Brescia i suoi 106 dipendenti. Si tratta della Timken di Villa Carcina che ha comunicato la chiusura immediata dello stabilimento. I 106 lavoratori sono già in sciopero e presidio permanente. Nessun commento per ora dall’azienda. Timken è un’azienda statunitense attiva nell’indotto automotive, in particolare produce cuscinetti ad alta tecnologia e prodotti per la trasmissione di potenza e di servizi. “Dopo la Gianetti Ruote in Brianza e la Gkn di Campi Bisenzio, la Timken, multinazionale del settore automotive, ha annunciato la volontà di chiudere lo stabilimento di Villa Carcina (Brescia) e il conseguente licenziamento dei 106 i lavoratori che da oggi sono in sciopero e presidio permanente. È evidente che stiamo assistendo all’ennesima aggressione al lavoro e al tessuto industriale e sociale di un territorio da parte di una multinazionale, che sceglie il licenziamento all’utilizzo di ammortizzatori sociali”. Queste le parole di Simone Marinelli (coordinatore nazionale automotive Fiom Cgil) e Antonio Ghirardi (segretario generale Fiom Cgil Brescia). La Fiom ha chiesto al Mise di convocare azienda e istituzioni locali per affrontare l’ennesima vertenza nel settore ed evitare i licenziamenti. “È urgente inoltre far ripartire il tavolo del settore automotive per affrontare la fase di transizione e per individuare, con un accordo tra le parti sociali, i ministeri competenti e le aziende, gli investimenti e gli strumenti per la tutela dell’occupazione e dell’industria del nostro Paese ed evitare che il cambiamenti ambientali, tecnologici e organizzativi ricadano sulle lavoratrici e sui lavoratori”, rilevano ancora i due dirigenti sindacali.

Related posts

Alitalia, rivelazioni del Financial Times: “Aiuti di Stato da 900 mln per la Compagnia. Dovranno essere restituiti”

Redazione Ore 12

Il ghiaccio brucia le piante di frutta, allarme Coldiretti

Redazione Ore 12

Lavoro, questa la ricetta della Uil

Redazione Ore 12