Politica

Autonomia differenziata: Unione Inquilini a Roma in Piazza della Rotonda Pantheon esprime tutta la sua contrarietà

Da Walter De Cesaris, segretario nazionale Unione Inquilini, riceviamo e volentieri ospitiamo :“Oggi mercoledì 21 dicembre Unione Inquilini partecipa e interviene  alla manifestazione promossa a Roma in Piazza della Rotonda (Pantheon) dalle ore 16, dai Comitati contro l’autonomia differenziata e dalla rete “Non per noi ma per tutte e tutti” alla quale parteciperanno numerose realtà  sindacali e associazioni. Parteciperemo perché sulla casa già subiamo una autonomia differenziata avviata con la modifica del Titolo V della Costituzione che ha delegato alle Regioni le politiche abitative e la gestione dell’edilizia residenziale pubblica senza però  definire i livelli essenziali di assistenza abitativa e senza stanziare alcuna risorsa. Gli effetti, le famiglie in precarietà  abitativa e gli assegnatari di case popolari li subiscono ogni giorno. Le Regioni hanno approvato leggi su gestione e affitti delle case popolari una diversa dalle altre. Venti limiti di accesso, venti limiti di decadenza. Quasi azzerata la realizzazione di case popolari e quasi nulle le risorse per manutenzioni nelle case popolari, dove spesso mancano persino gli ascensori. Una regionalizzazione delle politiche abitative segnate da vendita di case popolari, da leggi razziste finalizzate ad escludere i migranti persino dalla sola partecipazione ai bandi. Regioni che da venti anni, così come i governi che si sono succeduti, che non hanno stanziato risorse per aumentare l’offerta di case popolari. Regioni insensibili e impertubabili di fronte alla precarietà abitativa. Regioni mute, insieme ai comuni, di fronte all’azzeramento dei fondi contributi affitto e morosità incolpevole da parte del Governo Meloni, dopo che da anni hanno pensato di sostituire la realizzazione di case popolari con i contributi affitto. Unione Inquilini è in piazza oggi, nella piazza contro l’autonomia differenziata insieme a tante realtà, per dire No all’autonomia differenziata perché gli effetti nefasti noi li conosciamo già. Perché  sappiamo che solo attraverso un movimento unitario e capillare che dice No all’autonomia differenziata si può vincere. Perche dire No all’autonomia differenziata è un primo tassello per dire no alle politiche regionaliste differenziate sulla casa che hanno prodotto solo esclusione sociale.”

Related posts

Salvini lancia il ‘Rinascimento Europeo’ con Orban e Morawiecki. Il leader leghista vuole un movimento per essere primo anche in Europa

Redazione Ore 12

Il j’accuse di Marina Berlusconi: “Mio padre perseguitato anche da morto”

Redazione Ore 12

45 anni fa la morte di Aldo Moro tra misteri e mezze verità

Redazione Ore 12