Economia e Lavoro

Cna e Confartigianato: “Rimodulare incentivi per favorire investimenti su 8 milioni di immobili”

 

Gli ecobonus hanno prodotto un risparmio energetico negli ultimi due anni pari a 10,8 GW, un minor consumo di gas per 2 miliardi di metri cubi e un taglio delle emissioni di CO2 stimabile in 1,3 miliardi di tonnellate. E’ quanto hanno sottolineato Confartigianato e Cna nel corso dell’audizione in Commissione ambiente della Camera nell’ambito dell’indagine conoscitiva sull’impatto degli incentivi in materia edilizia. I risultati positivi mostrano l’esigenza di rimodulare il sistema degli incentivi in funzione di obiettivi come ila riduzione dei consumi energetici, l’efficientamento del patrimonio immobiliare e la riqualificazione urbana attraverso un equilibrato rapporto costi-benefici. Le due organizzazioni hanno evidenziato che nei prossimi 10 anni sarà necessario intervenire per la riqualificazione energetica su circa 8 milioni di immobili, numeri certamente ambiziosi ma che sono alla portata con una adeguata pianificazione e con strumenti idonei per concretizzare il grande piano di ristrutturazione. I bonus edilizi negli ultimi due anni hanno attivato investimenti superiori a 100 miliardi con un contributo al Pil dell’1,3%. Oltre al Superbonus 110%, anche gli altri incentivi hanno registrato una significativa crescita grazie anche all’opportunità della cessione del credito.

Related posts

IL GRAFFIO – Il fallimento della classe dirigente arrivata alla fine della Storia, senza capirlo

Redazione Ore 12

Imprese e consumatori hanno più fiducia. La rilevazione dell’Istat

Redazione Ore 12

Commercio al dettaglio: volano i discount (+10,1%)

Redazione Ore 12