Cronaca

Copernicus: settembre 2023 il più caldo di sempre

Il mese di settembre 2023 è stato il più caldo mai registrato a livello globale, con una temperatura media dell’aria in superficie di 16.38°C, 0.93°C al di sopra della media di settembre del periodo compreso tra il 1991 e il 2020 e 0.5°C al di sopra della temperatura del 2020, il precedente settembre più caldo. Lo dicono gli ultimi dati del Servizio pe ril Cambiamento climatico di Copernicus, il sistema satellitare e da stazioni a terra e su mare di osservazione del Pianeta finanziato dall’UE.
Il mese di settembre 2023 è stato il mese più insolitamente caldo di tutti gli anni nel set di dati ERA5 (a partire dal 1940). Il mese nel suo complesso è stato più caldo di circa 1.75°C rispetto alla media di settembre del periodo compreso tra il 1850 e il 1900, periodo di riferimento preindustriale. La temperatura globale per il periodo compreso tra gennaio e settembre 2023 è stata di 0.52°C superiore alla media e di 0.05°C superiore al periodo equivalente dell’anno solare più caldo (2016). Per il periodo gennaio-settembre 2023, la temperatura media globale è stata superiore di 1.40°C rispetto alla media pre industriale (1850-1900). Per l’Europa, il settembre 2023 è stato il settembre più caldo mai registrato, con 2.51°C in più rispetto alla media degli anni compresi tra il 1991 e il 2020 e 1.1°C in più rispetto al 2020, il precedente settembre più caldo. La temperatura media della superficie del mare per il mese di settembre, al di sopra dei 60°S-60°N, ha raggiunto i 20.92°C, la più alta mai registrata per il mese di settembre e la seconda più alta di tutti i mesi, dopo l’agosto 2023. “Le temperature senza precedenti osservate a settembre – dopo un’estate record – hanno battuto i record in una misura straordinaria. Questo mese estremo ha spinto l’anno 2023 nel discutibile primato di essere l’anno più caldo e di superare di circa 1.4°C le temperature medie dell’era preindustriale. A due mesi da COP28, il senso di urgenza per un’azione ambiziosa sul clima non è mai stato così critico”, avverte Samantha Burgess, Vicedirettore del Servizio per il Cambiamento Climatico di Copernicus (Copernicus Climate Change Service- C3S) L’estensione del ghiaccio marino antartico si è mantenuta a un livello minimo record per questo periodo dell’anno. A settembre, sia l’estensione giornaliera che quella mensile hanno raggiunto i massimi annuali più bassi registrati dai satelliti, con l’estensione mensile del 9% al di sotto della media. L’estensione giornaliera del ghiaccio marino artico ha raggiunto il 6° minimo annuale, mentre l’estensione mensile si è classificata al 5° posto, con il 18% al di sotto della media. Il mese di settembre 2023 ha visto condizioni più umide della media lungo molte parti della costa occidentale dell’Europa, compresa la penisola iberica occidentale, l’Irlanda, la Gran Bretagna settentrionale e la Scandinavia. A seguito delle piogge estreme associate alla tempesta Daniel, anche in Grecia le precipitazioni sono state superiori alla media; questo evento è stato anche responsabile delle devastanti inondazioni in Libia. Anche il Brasile meridionale e il Cile meridionale hanno registrato eventi estremi di precipitazione. Le regioni più secche della media hanno compreso parti dell’Europa, gli Stati Uniti sudorientali, il Messico, l’Asia centrale e l’Australia, dove è stato registrato il settembre più secco mai registrato.

Related posts

Sequestrati dalla Guardia di Finanza beni per 53 milioni di euro per una frode tra Napoli e Trieste

Redazione Ore 12

Bancarotta e truffa per 6,6 milioni di euro scoperta dalle Fiamme Gialle a Treviso

Redazione Ore 12

L’ombra dei Servizi israeliani dietro il rapimento del piccolo Eitan. Piano sofisticato per far espatriare il bambino

Redazione Ore 12