Politica

Mattarella: “La Repubblica oggi è a Brescia”.

Il ricordo del Capo dello Stato della più grande strage del terrorismo neofascista

“Sono trascorsi cinquant’anni dal vile attentato di piazza della Loggia che uccise otto persone e ne ferì 102, alcune in modo grave e con lesioni permanenti. Oggi la Repubblica Italiana è Brescia, è Piazza della Loggia, è questo teatro, con la presenza e il coinvolgimento di tante persone”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Brescia in occasione della commemorazione del 50° anniversario della strage di piazza della Loggia. Quella che va falla strage di Piazza Fontana del 1969, fino a quella di Bologna del 1980, “la più grande strage del terrorismo neofascista”, e ancora, “nel 1984, di nuovo a San Benedetto Val di Sambro”, fu “una sequenza impressionate di eventi sanguinosi, legati dall’unico filo dell’eversione nera e tutte caratterizzate da una difficile ricerca della verità storica e giudiziaria, ostacolata da inaccettabili depistaggi, errori e inefficienze. Ma il desiderio di verità e giustizia non si è fermato”.

Related posts

Mattarella: “Riconoscenti ai medici ed agli infermieri”

Redazione Ore 12

Meloni e Scholz firmano il patto d’azione Italia-Germania. La premier: “Importante passo in avanti”

Redazione Ore 12

  Quirinale, Salvini: “Faremo nomi assolutamente di alto livello e profilo senza che si mettano veti”

Redazione Ore 12