Cronaca

Osservatorio cronisti, nessuna direttiva per limitare il lavoro dei giornalisti che seguono manifestazioni di piazza

La rassicurazione è arrivata dal Prefetto Raffaele Grassi durante l’incontro, richiesto da Fnsi e Odg dopo il terzo episodio (Roma, Messina e Padova) di giornalisti fermati durante manifestazioni di piazza e portati in commissariato senza motivazioni. Erano presenti il presidente del sindacato dei giornalisti Vittorio di Trapani, il commissario dell’Unione nazionale cronisti italiani Claudio Silvestri e la segretaria del Consiglio nazionale dell’Odg Paola Spadari.

 

 

Non esiste alcuna direttiva per limitare il lavoro dei giornalisti che seguono le manifestazioni di piazza. La rassicurazione arriva dal Prefetto Raffaele Grassi, vicedirettore generale della PS – direttore centrale polizia criminale, durante la riunione di lunedì 10 giugno 2024 dell’Osservatorio cronisti minacciati presso il ministero dell’Interno con il presidente della Fnsi Vittorio di Trapani, il commissario dell’Unione nazionale cronisti italiani Claudio Silvestri e la segretaria del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti Paola Spadari.

L’incontro arriva su richiesta della Fnsi e dell’Ordine dopo il terzo episodio (Roma, Messina e Padova) di giornalisti fermati durante manifestazioni di piazza e portati in commissariato senza motivazioni.

A nome del ministero, il Prefetto si è detto dispiaciuto dell’accaduto, ha assicurato che si tratta di un episodio e ha garantito che non si ripeteranno casi del genere.

Fnsi e Ordine hanno ribadito la assoluta gravità di quei fermi che hanno impedito a dei giornalisti di svolgere il proprio lavoro.

Durante l’incontro le organizzazioni dei giornalisti hanno sottoposto gli ultimi due episodi di violenza: ai danni di Alberto Dandolo e di Luisa Biella. Il Prefetto e le forze di polizia hanno assicurato che le due vicende sono seguite con molta attenzione e le indagini sono in corso.

Infine, Fnsi e Ordine hanno denunciato il clima di odio crescente nei confronti dei giornalisti, che spesso si sfoga in rete. In alcuni casi si ha l’impressione di reti organizzate, sulle quali si chiede di indagare per individuare responsabili e ispiratori. In questo senso sindacato e Ordine hanno segnalato un preoccupante aumento di attacchi all’ex presidente Fnsi e attuale coordinatore di Articolo 21 Beppe Giulietti.

È stata anche l’occasione per rilanciare l’urgenza di introdurre per legge una aggravante per le minacce contro gli operatori dell’informazione.

Related posts

Qualità dell’aria, brutta sorpresa per l’Italia: quattro città tra le peggiori in Europa

Redazione Ore 12

Il fidanzato di Saman dopo l’arresto dello zio della ragazza: “Ho paura per la mia famiglia in Pakistan”

Redazione Ore 12

Meteo, nelle prossime ore previste pioggia e neve

Redazione Ore 12