Economia e Lavoro

Trasporti: con caos ai valichi a rischio 2/3 trasporti cibo

 

Quasi i due terzi (63%) delle esportazioni agroalimentari italiane interessano i Paesi dell’Unione Europea che vengono raggiunti principalmente attraverso i valichi alpini con l’88% delle merci che in Italia viaggia infatti su gomma. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti sui effetti dei limiti alla circolazione lungo le frontiere.

Una situazione che – sottolinea la Coldiretti – mette a rischio il record del export agroalimentare Made in Italy che ha raggiunto i 60,7 miliardi nel 2022 e che è cresciuto dell’ 8% che nei primi cinque mesi di quest’anno. L’allungamento dei tempi di trasporto – continua la Coldiretti – preoccupa soprattutto per il transito delle merci deperibili in una situazione di forte concorrenza estera a partire dalla Spagna.

“Occorre intervenire nell’immediato con accordi che consentano di ridurre al minimo i disagi ma occorre anche investire sulla logistica in termini infrastrutturali” afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini. In questo scenario pesa il deficit logistico italiano per la carenza infrastrutturale per il trasporto merci e occorre intervenire per migliorare i collegamenti tra Sud e Nord del Paese e anche con il resto del mondo per via marittima e ferroviaria, con una rete di snodi composta da aeroporti, treni e cargo” conclude il Presidente della Coldiretti Ettore Prandini.

Related posts

Smart Working addio, per molti è un pensiero insopportabile

Redazione Ore 12

A giugno vacanze con i super-rincari

Redazione Ore 12

Industria: Giulio De Carli confermato presidente Air Tech Italy

Redazione Ore 12