Primo piano

  Caso Bortuzzo, nuovo sconto di pena per gli sparatori di Aprilia?

Si apre la strada per un possibile altro sconto di pena, il terzo, in favore dei due giovani di Aprilia (Roma), Daniel Bazzano di 26 anni e Lorenzo Marinelli di 27, con precedenti di spaccio e rapina, rei confessi di aver sparato alla promessa del nuoto Manuel Bortuzzo, il ragazzo trevigiano rimasto paralizzato a 19 anni colpito alla schiena, la notte del 3 febbraio 2019, da uno sparo di pistola esplosa nel contesto di una spedizione ‘punitiva’ avvenuta fuori da un pub alla periferia della capitale, dopo una rissa alla quale il nuotatore era del tutto estraneo. È stata quindi accolta la richiesta del pg della Cassazione di riaprire il processo per Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, condannati a 14 anni e 8 mesi per il ferimento del giovane nuotatore. Secondo il pg, come richiesto dalle difese degli imputati, è necessario di rivalutare l’elemento della premeditazione del tentato omicidio. Si apre così la possibilità di un ulteriore sconto di pena per i due imputati. Quello in cui rimase vittima il ventiduenne di origine trevigiana, venuto a Roma da Trieste per seguire il sogno di una carriera nel nuoto e partecipare alle Olimpiadi, fu, secondo i giudici dell’appello che hanno emesso il loro verdetto il 23 luglio del 2020, un raid premeditato. La Corte d’Appello di Roma aveva sostanzialmente accolto l’impianto accusatorio della procura generale abbassando dai 16 anni del primo grado ai 14 anni e 8 mesi, la pena nei confronti di Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, autori reo confessi del raid. Nei loro confronti era caduta l’accusa di tentato omicidio ai danni di Martina, la ragazza che era con Bortuzzo la notte del sabato sera tra il 2 e il 3 febbraio del 2019 quando avvenne la sparatoria nella quale il nuotatore – allora di 19 anni – fu scambiato per un’altra persona. Manuel venne raggiunto da un proiettile alla schiena mentre si trovava davanti ad un pub nel quartiere Axa, quadrante sud della capitale. A sparare fu Marinelli che era a bordo di un motorino con Bazzano. Nei confronti dei due imputati l’accusa è stata riformulata in tentato omicidio premeditato e porto, detenzione e ricettazione d’arma da fuoco. Sono stati processati in primo grado con rito abbreviato e sentenza emessa il 9 ottobre del 2019. La sventagliata di almeno tre colpi fu messa in atto “come attività ritorsiva e dimostrativa dopo una rissa avvenuta presso il locale” dove si trovava anche Manuel che nel pub aveva trascorso la serata senza prendere parte alla rissa. Il raid dei due condannati mirava a rimarcare il potere su quella piazza. Nell’ordinanza con cui il gip Costantino De Robbio convalidò l’arresto si affermava che Marinelli e Bazzano quella notte “hanno sparato per uccidere, programmando un brutale omicidio” in un vero e proprio “raid covato da tempo” e “non riuscito per cause indipendenti dalla loro volontà”.

Related posts

Altroconsumo denuncia: “Ancora bollette basate su stime”

Redazione Ore 12

Ha confessato l’omicida dell’attrice hard Charlotte Angie. Era un vicino di casa

Redazione Ore 12

Realacci (Symbola): “Il Pnrr può avere uno dei suoi punti di forza nei boschi e nelle foreste”

Redazione Ore 12