Regioni

Dighe, un sistema che assicura energia, ambiente e vita. Ecco il Dam

Sono 81 le grandi dighe del DAM Distretto dell’Appennino Meridionale utilizzate per l’irrigazione di importanti comprensori irrigui, oltre che ad essere destinate alla “produzione di energia elettrica e di acqua potabile a scopo irriguo”.
Il DAM – si ricorda – copre una superficie di circa 67.459 chilometri quadrati, e comprende 1.632 Comuni con una popolazione residente al 2020 di 13.389.146 abitanti. Interessa complessivamente 7 Regioni (include interamente Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e in parte Abruzzo e Lazio), 17 Unit of Management (Bacini Idrografici) di cui 7 ex Competent autority, 25 Province (di cui 6 parzialmente), 100 Comunità montane, 39 Consorzi di bonifica, 879 Aree naturali protette. Il 49 per cento dell’acqua delle dighe viene destinata ad uso irriguo – si aggiunge – ed il 37 per cento per l’idroelettrico, la produzione di energia. Solo una percentuale molto più piccola e che non supera il 2 per cento è utilizzata per uso potabile ed il 4 per cento per l’industria. Oltre la metà delle “grandi dighe” presenti nel territorio del DAM sono dislocate per la maggior parte in Calabria, Campania e Basilicata. Il volume totale stoccabile supera i 2400 millimetri cubi, sebbene in ragione delle limitazioni il volume attualmente invasabile supera di poco i 1700 millimetri cubi. Ad incidere sul volume totale invasabile – si sottolinea – è anche il mancato completamento del collaudo, che interessa poco meno del 30% degli invasi, alcuni dei quali anche particolarmente importanti nell’ambito degli schemi idrici distrettuali (come Conza della Campania, Monte Cotugno).

Related posts

Bonaccini: “Valutare restrizioni omogenee in Italia”

Redazione Ore 12

Due giorni interi dedicati al cicloturismo nazionale e non solo

Redazione Ore 12

Calabria, Legambiente: in 16 anni eseguite solo 133 demolizioni di immobili abusivi

Redazione Ore 12