Regioni

Dighe, un sistema che assicura energia, ambiente e vita. Ecco il Dam

Sono 81 le grandi dighe del DAM Distretto dell’Appennino Meridionale utilizzate per l’irrigazione di importanti comprensori irrigui, oltre che ad essere destinate alla “produzione di energia elettrica e di acqua potabile a scopo irriguo”.
Il DAM – si ricorda – copre una superficie di circa 67.459 chilometri quadrati, e comprende 1.632 Comuni con una popolazione residente al 2020 di 13.389.146 abitanti. Interessa complessivamente 7 Regioni (include interamente Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e in parte Abruzzo e Lazio), 17 Unit of Management (Bacini Idrografici) di cui 7 ex Competent autority, 25 Province (di cui 6 parzialmente), 100 Comunità montane, 39 Consorzi di bonifica, 879 Aree naturali protette. Il 49 per cento dell’acqua delle dighe viene destinata ad uso irriguo – si aggiunge – ed il 37 per cento per l’idroelettrico, la produzione di energia. Solo una percentuale molto più piccola e che non supera il 2 per cento è utilizzata per uso potabile ed il 4 per cento per l’industria. Oltre la metà delle “grandi dighe” presenti nel territorio del DAM sono dislocate per la maggior parte in Calabria, Campania e Basilicata. Il volume totale stoccabile supera i 2400 millimetri cubi, sebbene in ragione delle limitazioni il volume attualmente invasabile supera di poco i 1700 millimetri cubi. Ad incidere sul volume totale invasabile – si sottolinea – è anche il mancato completamento del collaudo, che interessa poco meno del 30% degli invasi, alcuni dei quali anche particolarmente importanti nell’ambito degli schemi idrici distrettuali (come Conza della Campania, Monte Cotugno).

Related posts

Bolzano, prima flotta di trasporto pubblico ad idrogeno verde

Redazione Ore 12

Sanremo, sindaco Biancheri: mi auguro che manifestazione Rai non salti

Redazione Ore 12

Aree di crisi industriale nel Piceno, 2,8 milioni dalla Regione Marche

Redazione Ore 12