Primo piano

Mattarella alla Polizia di Stato: “Garanzia della tutela delle libertà dei cittadini”

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è intervenuto alla cerimonia celebrativa del 170° anniversario di fondazione della Polizia di Stato che si è svolta sulla terrazza del Pincio a Roma. Il Capo dello Stato, dopo aver ricevuto gli onori militari, ha passato in rassegna il reparto d’onore schierato con Bandiera e Banda, accompagnato dal Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese e dal Capo della Polizia – Direttore generale della pubblica sicurezza, Lamberto Giannini. Al termine della cerimonia, il Presidente Mattarella ha consegnato una Medaglia d’oro al Valor civile alla Bandiera della Polizia, cinque Medaglie d’oro al Valor civile alla memoria e alcune Promozioni per merito straordinario. Nell’occasione il Capo dello Stato ha inviato al Capo della Polizia il seguente messaggio: «“Esserci sempre”, il motto che ispira le celebrazioni del 170° anniversario di fondazione della Polizia, coglie pienamente la vocazione della Polizia di Stato a essere interprete, con logiche di prossimità, dei compiti affidati dalla Repubblica al Corpo, a garanzia della tutela delle libertà dei cittadini.

Affermazione della legalità, contributo alla coesione sociale, come testimoniato, di recente, anche dall’importante apporto offerto nell’inedito contesto della pandemia, sono il quotidiano vissuto dell’azione della Polizia sul territorio. La gestione del fenomeno migratorio e delle emergenze umanitarie, come quella che ora interessa la popolazione dell’Ucraina, accanto ai compiti di Polizia di Frontiera, evidenzia un ruolo cruciale nel favorire soccorso, assistenza e integrazione. Nella fase di rilancio del Paese, risulta ora decisivo l’impegno affinché la ripresa economica, favorita dall’afflusso di ingenti risorse europee, non sia inficiata dai tentativi di infiltrazione criminale e da forme diffuse di illegalità. Essenziale in questa battaglia risulta la sinergia con le altre Forze di Polizia, le istituzioni locali e gli altri attori delle comunità locali, nell’ottica di una sicurezza partecipata. Il contrasto al terrorismo e la promozione della sicurezza informatica rappresentano ulteriori sfide, da raccogliere in collaborazione con le Forze di Polizia di altri Paesi. Nel rendere omaggio al sacrificio di quanti operano quotidianamente e alla memoria di chi ha pagato con la vita la funzione di garanzia di rispetto della legge e di sicurezza della società, esprimo alle donne e agli uomini della Polizia, e alle rispettive famiglie, la riconoscenza e la vicinanza della Repubblica”.

Related posts

Strage sulla Marmolada. Crolla un serracco e investe un gruppo di alpinisti. Morti, feriti e dispersi

Redazione Ore 12

“Hamas dentro gli ospedali”, l’accusa di Israele. Intanto proseguono i negoziati mediati dal Qatar per il cessate il fuoco

Redazione Ore 12

Catania, eseguite dalla Polizia di Stato 15 ordinanze restrittive Sono ben 15 le misure di prevenzione della sorveglianza speciale della P.S. eseguite nell’ultimo mese dalla Questura ed emesse dal Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione. Applicate a soggetti ritenuti socialmente pericolosi per la sicurezza pubblica, le predette misure sono state richieste, in stretto coordinamento tra le Autorità proponenti, alcune dal Procuratore della Repubblica e altre dal Questore, a carico di soggetti per i quali è stata accertata dal Tribunale l’attuale pericolosità sociale, in quanto ritenuti gravemente indiziati di gravi reati, tra cui quelli di associazione mafiosa o aggravati dalla finalità o dal metodo mafioso, di traffico di sostanze stupefacenti, delitti contro la persona ed il patrimonio. Ai “nuovi” sorvegliati speciali, come previsto dal Codice Antimafia (D. Lgs. n.159/2011) sono stati invalidati i titoli per l’espatrio (carta d’identità, passaporto) e per la guida e sono stati imposti diversi obblighi tra cui: darsi alla ricerca di stabile lavoro, fissare la propria dimora, farla conoscere all’Autorità di Pubblica Sicurezza e non allontanarsi senza preventivo avviso all’Autorità medesima; vivere onestamente, rispettare le leggi, non associarsi abitualmente a persone che hanno subito condanne e sono sottoposte a misure di prevenzione o di sicurezza; non rincasare oltre le ore 21.00 e non uscire di casa al mattino prima delle ore 06.00, senza comprovata necessità e comunque senza avere data tempestiva notizia al competente Ufficio di P.S.; non trattenersi abitualmente nei pubblici esercizi e non partecipare a pubbliche riunione; non detenere e non portare armi.

Redazione Ore 12